Tomas Luis De Victoria Officium hebdomanae sacrae ed altro di De Victoria



Tomas Luis de Victoria – Popule meus Versa est in luctum …

Tomás Luis de Victoria “Tenebrae facta sunt …

Pubblicato in musica | Contrassegnato | Lascia un commento

Gesualdo Bufalino : L’uomo invaso e i post di Bufalino e Sciascia

Ma è nel racconto di Gorgia che la riflessione di Bufalino sul rapporto tra realtà e mithos, verità e illusione si fa più densa e tematica. Nel dialogo tra il filosofo  e il suo scriba si allineano i multiformi sensi della parola, musicale, seduttrice come nella musica di Orfeo, ‘intorcigliata fune gordiana’ che lega il giovane sabeo al suo padrone siracusano’; armonia che tuttavia inganna non in quanto mente, ma perché portatrice di una doppia verità, incapace di dare assetto razionale al reale, in bilico tra testimonianza dell’insensatezza del mondo – che tuttavia consola – e rivelazione dell’unità perduta,  empedoclea  ricomposizione dei contrari. Poiché il linguaggio non vuole né si illude di saper riprodurre la realtà inafferrabile e incomprensibile, non può che reinventarla o distorcerla.

Il rapporto con la scrittura, la necessità di esplodere in parole, ancora prima in sillabe consonanti, e alle parole consegnarsi, con esibizionismo e insieme reticenza, era per Bufalino ‘un’avventura sinistra ma ineludibile’. Avventura iniziata nell’infanzia, dalla famelicità con cui si impossessava di  elenchi, nomi, targhe, giornali, ‘primo rudimentale pantheon mnemonico’ esercizio dell’alfabeto come pratica magica con cui attingere ad una realtà parallela, per porre forse una distanza da quella vera.

Dunque un viaggio duplice. Da una parte quello nella materialità dei suoni, fatto di un sensuale amore, l’altro nel groviglio intimo, nel caos di una biografia segnata da luoghi carichi di senso – la Sicilia degli eccessi, che ‘non è terra di tepori’- e da eventi traumatici, per riordinarli, comprenderli o esorcizzarli. La parola usata e goduta per  la sua  ineguagliabile consolante bellezza, e ancora strumento impietoso per scavare tra le pieghe dei propri traumi, per capire, curare, o ancora esorcizzare.

Allora la letteratura, sia come pensiero immaginativo, sia come strumento che dolorosamente fruga, è comunque una costruzione iperbolica, intessuta di metafore, dominata dall’oltranza, dall’aggettivazione ridondante che compensa ‘l’ossificazione della realtà’, solennemente barocca nella sua sensualità, manieristica nella consapevolezza ostentata dei propri artifici. Presente alla propria inattualità: raccontare l’indicibile frammentarietà del moderno, costruire il sapere del tempo della crisi.

Presente anche alla propria impotenza di fronte all’abisso dell’insensatezza dell’esistenza: come il ‘parlare a vanvera intorno al valore del mondo’ di Wittengstein. Allora il ‘saper parlare’ diviene inferiore al silenzio dinanzi all’epifania della morte, l’unico evento che permette di ricostituire l’unità dell’essere. L’orizzonte che, secondo Heidegger, dà pienezza di senso all’esistenza. Quella morte compagna di vita che ha sfiorato e alla fine ignorato Bufalino nella sua lunga malattia, lasciandolo testimone sopravvissuto all’agonia e alla fine di tanti compagni di dolore e di sogni nel sanatorio vicino Palermo.

Ma qui è l’insensatezza della vita che può spingere a cercare un senso nel suo opposto. ‘Saper morire è l’unica cosa che ci giustifichi sulla terra’ dice Gorgia al suo scriba. La morte è allora un valore più alto della vita e delle parole.

Anche Giufà, l’ingenuo protagonista di un altro racconto, percepisce la vita come rumore mentre contempla il silenzio delle stelle, e la sua fiducia nell’innocenza delle parole, nella loro verità letterale, lo consegna in braccio al nemico, la sua disarmata curiosità di vecchio bambino lo spinge contro  il mostro rombante della macchina che lo uccide.

bufalino – circolo BATESON

Il ritorno di Euridice

(in L’uomo invaso, Gesualdo Bufalino)

Era stanca. Poiché c’era da aspettare, sedette su una gobba dell’argine, in vista del palo dove il barcaiolo avrebbe legato l’alzaia. L’aria era del solito colore sulfureo, come d’un vapore di marna o di pozzolana, ma sulle sponde s’incanutiva di fiocchi laschi e sudici di bambagia. Si vedeva poco, faceva freddo, lo stesso fiume non pareva scorrere ma arrotolarsi su sé stesso, nella sua pece pastosa, con una pigrizia di serpe. Un guizzo d’ali inatteso, un lampo nero, sorse sul pelo dell’acqua e scomparve. L’acqua gli si richiuse sopra all’istante, lo inghiottì come una gola. Chissà, il volatile, com’era finito quaggiù, doveva essersi imbucato sottoterra dietro i passi e al musica del poeta.

“Il poeta”… Era così che chiamava il marito nell’intimità, quando voleva farlo arrabbiare, ovvero per carezza, svegliandosi al suo fianco e vedendolo intento a solfeggiare con grandi manate nel vuoto una nuova melodia. “Che fai, componi?” Lui non si sognava di rispondere, quante arie si dava. Ma com’era rassicurante e cara cosa che si desse tante arie, che si lasciasse crescere tanti capelli sul collo e li ravviasse continuamente col calamo di giunco che gli serviva per scrivere; e che non sapesse cuocere un uovo… Quando poi gli bastava pizzicare due corde e modulare a mezza voce l’ultimo dei suoi successi per rendere tutti così pacificamente, irremissibilmente felici…

“Poeta”… A maggior ragione, stavolta. Stavolta lei sillabò fra le labbra la parola con una goccia di risentimento. Sventato d’un poeta, adorabile buonannulla… Voltarsi a quel modo, dopo tante raccomandazioni, a cinquanta metri dalla luce… Si guardò i piedi, le facevano male. Se mai possa far male quel poco d’aria di cui sono fatte le ombre.

Non era delusione, la sua, bensì solo un quieto, rassegnato rammarico. In fondo non aveva mai creduto sul serio di poterne venire fuori. Già l’ingresso – un cul di sacco a senso unico, un pozzo dalle pareti di ferro – le era parso decisivo. La morte era questo, né più né meno, e, precipitandovi dentro, nell’attimo stesso che s’era aggricciata d’orrore sotto il dente dello scorpione, aveva saputo ch’era per sempre. Allora s’era avvinta agli uncini malfermi della memoria, s’era aggrappata al proprio nome, pendulo per un filo all’estremità della mente, e se lo ripeteva, Euridice, Euridice, nel mulinello vorticoso, mentre cascava sempre più giù, Euridice, Euridice, come un ulteriore obolo di soccorso, in aggiunta alla moneta piccina che la mano di lui le aveva nascosto in bocca all’atto della sepoltura.

Tu se’ morta, mia vita, ed io respiro?
Tu se’ da me partita
per mai più non tornare ed io rimango?

Così aveva gorgheggiato lui con la cetra in mano e lei da quella monodia s’era sentita rimescolare. Avrebbe voluto gridargli grazie, riguardarselo ancora amorosamente, ma era ormai solo una statuina di marmo freddo, con un agnello sgozzato ai piedi, coricata su una pira di fascine insolenti. E nessun comando che si sforzasse di spedire alle palpebre, alle livide labbra, riusciva a fargliele dissuggellare un momento.

Della nuova vita, che dire? E delle nuove membra che le avevano fatto indossare? Tenui, ondose, evasive come veli…

Poteva andar meglio, e poteva andar peggio. I giochi con gli aliossi, le partite di carte a due, le ciarle donnesche con Persefone al telaio; le reciproche confidenze a braccetto per i viali del regno, mentre Ade dormiva col capo bendato nascosto da un casco di pelle di capro… Tutto era servito, per metà dell’anno almeno, a lenire l’uggia della vita di guarnigione. Ma domani, ma dopo?

Guardò l’acqua. Veniva, onda su onda, (e sembravano squame, scaglie di pesce) a rompersi contro la proda. Scura, fradicia acqua, vecchissima acqua di stagno, battuta da remi remoti. Tese l’orecchio: il tonfo delle pale s’udiva in lontananza battere l’acqua a lenti intervalli, doveva essere stufo, il marinaio, di tanti su e giù…

Mille e mille anime s’erano raccolte, frattanto, e aspettavano. Anche a mettersi in fila sarebbero passate ore prima che giungesse il suo turno. “Non ci sono precedenze per chi ritorna?” si chiese con un sorriso, benché non avesse fretta, ormai che c’era, di rincasare. Erano mille e mille, le anime, e aspettavano tremando di freddo e starnazzando, con una sorta d’impazienza affamata. Il fuoco che brillava in mezzo a loro, va a sapere come avevano fatto ad accenderlo, ad attizzarlo, con che pietre focaie e pigne di pino. E vi si scaldavano attorno, l’aria di fiume è nociva ai corpi spogliati.
Sorrise ancora. Come se i reumi avessero corso, fra i morti. Benché a lei sarebbe piaciuto lo stesso consolarsi le palme a quella fiamma, mescere la sua voce – un pigolio – al pigolare degli altri. Non lo fece, non s’avvicinò al bivacco, preferiva restare sola a pensare. Poiché un disagio, lo stesso che lascia un cibo sbagliato, le faceva male sotto una costola, e lei sapeva che non era il cruccio della vita ripersa, della resurrezione andata a male, era un altro e curioso agrume, un rincrescimento, incapace per ora di farsi pensiero, ma ostinato a premere dentro in confuso, come preme un bambino non nato, putrefatto nelle viscere, senza nome né sorte. E lei non sapeva come chiamarlo, se presagio, sospetto, vergogna…

Ricapitolò la sua storia, voleva capire.

[…]

“Sono stata una buona moglie. Lo amavo, il poeta. E lui, dopotutto, mi amava. Non avrebbe, se no, pianto tanto, rischiato tanto per voragini e dirupi, fra Mani tenebrosi e turbe di sogni dalle unghie nere. Non avrebbe guadato acque, scalato erte, ammansito mostri e Moire, avendo per sola armatura una clamide di lino, e una semplice fettuccia rossa legata al polso. Né avrebbe saputo spremere tanta dolcezza di suoni di fronte al trono dell’invisibile Ade…”

Il peso contro il costato doleva, ora, ma lei non ne aveva più paura, sapeva cos’era. Era una smemoratezza che le doleva, di un particolare dell’avventura recente, una minuzia che aveva o visto o intuito o capito in un baleno e che il Lete s’era provvisoriamente portato via. Come una rivelazione da mettere in serbo per ricordarsene dopo. Se ne sarebbe ricordata a momenti, certo, appena la sorsata di Lete avesse finito di sciogliersi, innocua ormai, nel dedalo delle sue vene. Era questa la legge, anche se lei avrebbe preferito un oblio di tutto e per sempre, al posto di questa vicenda di veglie e stupori, di queste temporanee vacanze della coscienza: come chi, sonnambulo, lascia il suo capezzale e si ritrova sull’orlo d’un cornicione…

Ripensò al suo uomo, al loro ultimo incontro. Ci ripensò con fierezza. Poiché il poeta, era venuto qui per lei, e aveva sforzato le porte con passo conquistatore, e aveva piegato tutti alla fatalità del suo canto. Perfino Menippo, quel buffone, quel fool, aveva smesso di sogghignare, s’era preso il calvo capo fra le mani e piangeva, fra le sue bisacce di fave e lupini. E Tantalo aveva cessato di cercare con la bocca le linfe fuggiasche, Sisifo di spingere il macigno per forza di poppa… E la ventosa ruota d’Issione, eccola inerte in aria, come un cerchio d’inutile piombo. Un eroe, un eroe padrone era parso. E Cerbero gli s’era accucciato ai piedi, a leccargli con tre lingue i sandali stanchi… Ade dalla sua nube aveva detto di sì.

Rivide il sèguito: la corsa in salita dietro di lui, per un tragitto di sassi e spine, arrancando col piede ancora zoppo del veleno viperino. Felice di poterlo vedere solo di spalle, felice del divieto che avrebbe fatto più grande la gioia di riabbracciarlo tra poco…

Quale Erinni, quale ape funesta gli aveva punto la mente, perché, perché s’era irriflessivamente voltato?

“Addio!” aveva dovuto gridargli dietro, “Addio!”, sentendosi la verga d’oro di Ermete picchiare piano sopra la spalla. E così, risucchiata dal buio, lo aveva visto allontanarsi verso la fessura del giorno, svanire in un pulviscolo biondo… Ma non sì da non sorprenderlo, in quell’istante di strazio, nel gesto di correre con dita urgenti alla cetra e di tentarne le corde con entusiasmo professionale… L’aria non li aveva ancora divisi che già la sua voce baldamente intonava “Che farò senza Euridice?”, e non sembrava che improvvisasse, ma che a lungo avesse studiato davanti a uno specchio quei vocalizzi e filature, tutto già bell’e pronto, da esibire al pubblico, ai battimani, ai riflettori della ribalta.

La barca era tornata ad andare, già l’attracco s’intravedeva fra fiocchi laschi e sporchi di bruma. Le anime stavano zitte, appiccicate fra loro come nottole di caverna. Non s’udiva altro rumore che il colpo uguale e solenne dei remi nell’acqua. Allora Euridice si sentì d’un tratto sciogliere quell’ingorgo nel petto, e trionfalmente, dolorosamente capì: Orfeo s’era voltato apposta.

http://www.carteggiletterari.it/2015/06/28/orfeo-iv-il-ritorno-di-euridice-gesualdo-bufalino/

«L’uomo invaso e altre invenzioni» di Gesualdo Bufalino

Federico Guastella

Con “L’uomo invaso e altre invenzioni” (Milano, Bompiani, 1986), Gesualdo Bufalino ci consegna ventidue racconti di varia estensione, ricchi di alta inventività con un linguaggio che, tra il poetico e il letterario, coinvolge e rapisce.

Esperto indagatore della psiche, l’autore affresca gli enigmi della condizione umana attraverso composite strategie attraversate dal senso del malinconico: esse vanno dal comico al fantastico, dallo storico e filosofico all’apologo. Il ventaglio tematico è ad ampio raggio con ascendenze che fanno pensare a Maupassant, a Cechov e soprattutto a Pirandello. Del drammaturgo e scrittore agrigentino, si sa, è l’umorismo a manifestarsi nel sentimento del contrario e pare che sia questa particolare modalità esistenziale a costituire il filo conduttore di questo libro.

A una rapida esemplificazione, ecco alcune tracce significative.
Nel racconto d’apertura, che dà il titolo all’opera, la parodia della “Metamorfosi” di Kafka è evidente: il personaggio Vincenzino La Grua, narrando il suo processo di cambiamento, si scopre, in maniera allucinatoria, invasato da una malevola creatura angelica che l’allontana dal gusto della quotidianità al punto da fargli praticare la solitudine. L’ironia sulle “sublimità metafisiche”, mescolata con la citazione dello Pseudo-dionigi sulla natura bruciante dei sublimi Serafini, è a tutto tondo. Bufalino insomma si diverte a cambiare le carte in tavola e sembra di non volere prendere nulla sul serio. Così appare nel racconto dedicato a Gorgia da Lentini: testo in cui viene rielaborata quella corrente di pensiero per la quale tesi e antitesi hanno lo stesso valore. Anche l’inversione dei ruoli inerisce all’ambiguità: sicché, Sancio diviene l’eroe fantasioso, mentre don Chisciotte torna alla realtà.

Ne “Il ritorno di Euridice” l’ironia sul mito di Orfeo è tagliente: infatti, costui trasgredisce all’ordine impartitogli da Plutone per liberarsi della sua donna, ricacciandola nell’Ade.

Ne “L’uscita dall’arca ovvero il disinganno” sono destabilizzate le aspettative di Noè allorquando, dopo il diluvio, il patriarca biblico si rende conto che i meccanismi dell’aggressività continuano a dominare sulla natura e sull’uomo.

Ne “Le visioni di Basilio”, il protagonista, da sacro custode dei “monumenti della scrittura” corrosi dall’ “invulnerabile verme” apparso subito dopo la fine della seconda ecatombe nucleare, per ironia della sorte diventa vittima sacrificale. In sostanza, la scoperta consiste nella contraddittorietà dell’esistenza: non a caso Giufà, tipico emblema dell’oralità contadina, viene ucciso da una “macchina mobile” al tempo del fenomeno dell’industrialismo che, in Sicilia, s’incarna nel dinamismo della “targa Florio”.

Ne “Il pedinatore” la ricerca non ha approdo, resta insolubile in un giuoco di rimandi e di rovesciamenti:

“Io sto inseguendo qualcuno che sta seguendo qualcuno. Ma qualcuno mi sta seguendo. E non si nasconde nemmeno. E non so chi è”.

L’uomo da protagonista elabora schemi interpretativi dell’esistenza, ma in fondo da essa egli risulta agìto senza un perché, senza neanche le corrispondenze foscoliane.

In “Voci di pianto da un lettino di sleeping-car” è struggente il dialogo con un Dio muto di cui insperatamente si vorrebbe pretendere l’esistenza. Nell’angosciante razionalismo bufaliniano, che si svolge tra invocazione e dissacrazione, l’insanabile frattura tra il sacro e il profano si risolve nella frode. A prevalere è la montaliana immagine del mondo come “refuso” di Dio.

https://www.sololibri.net/L-uomo-invaso-e-altre-invenzioni.html

Losanghe di cieli, cieli di gesso,
vecchio terrore che indosso ogni giorno;
muraglie da cui sempre mi ritorna
questa mia strenua voce d’ossesso;

e libri, voi, paradisi dipinti,
reticolati d’assurdo quaderno,
trionfo e sbarre di carcere eterno,
fughe immobili e nero labirinto:

oh mescetevi, carte, firmamenti,
memorie; fate rissa entro di me,
e inventatemi un nome, un altro viso.

Ora che lei m’ha parlato alla mente,
lei nel suo scialle di sposa di re,
con gli stupori e i corrucci e le risa…

Gesualdo Bufalino

da “La festa breve”

https://poesiainrete.wordpress.com/2017/10/06/improvviso-damore-gesualdo-bufalino-2/



Gesualdo Bufalino : «Tommaso e il fotografo cieco» – Bufalino e C. i …

Invito alla lettura – “Le menzogne della notte” di Gesualdo Bufalino …

ho imparato solo più tardi a incorporare nei nomi le forme : G. Bufalino …

Gesualdo Bufalino : Argo il cieco – Appuntamento presso un bunker …

Gesualdo Bufalino : Diceria dell’untore – l’amaro miele ; Bufalino e ..

Leonardo Sciascia : Gli zii di Sicilia, L’Antimonio by Rosalia Centinaro ; Sciascia i post

LEONARDO SCIASCIA LE PARROCCHIE DI REGALPETRA pdf …

Capolavori scomodi, Cadaveri Eccellenti di Francesco Rosi .

libro e film del giorno pdf e Telechargement : UNA STORIA SEMPLICE ..

Leonardo Sciascia: A ciascuno il suo.pdf, audio libro, films …

Amianto: Cassazione su Eternit; Trasimaco, Cefalo , la lunga vita dell’Asbesto

Carrione, quell’argine di polistirolo :vari post stato mafia …

Leonardo Sciascia e il cretino | controappuntoblog.org

Morte dell’inquisitore Leonardo Sciascia ; I professionisti …

IL GIORNO DELLA CIVETTA COME ROMANZO POLIZIESCO …

Il Consiglio d’Egitto – Leonardo Sciascia – il film : Leonardo Sciascia ..

Todo modo | controappuntoblog.org

Il cavaliere e la morte di Leonardo Sciascia .

Leonardo Sciascia Il Mare Colore Del Vino free – Il lungo .

“Chisti su’ cìciri chi non si còcinu” | controappuntoblog.org

mondo di mezzo : “il morto è morto, diamo aiuto al vivo”: DA ..

in Italia i termini esatti li usa solo la mafia ; mondo di mezzo .

Trasimaco, La giustizia è l’utile del più forte …

Pubblicato in cultura | Contrassegnato | Lascia un commento

Albinoni. Il nascimento de l’Aurora.

Albinoni – Il Nascimento dell’Aurora

Tomaso Albinoni – Il Nascimento dell’Aurora
Festa pastorale in un atto

Il Nascimento dell’Aurora appartiene a quel genere musicale, la serenata, diffuso e apprezzato nel corso del XVIII secolo; si tratta di componimenti arcadico-pastorali spesso eseguiti e messi in scena all’aperto.

Dal manoscritto autografo, conservato a Vienna, si deduce che l’opera è dedicata all’Imperatore d’Austria Carlo VI e di Elisabetta Cristina di Brunsuwick-Wolfenbuttel, sua moglie, e il titolo “Nascimento” fa supporre alla celebrazione di una nascita, in particolare, essendo il soggetto della serenta l’”Aurora”, potrebbe trattarsi della figlia Maria Teresa, futura imperatrice, nata nel 1717. Non si conosce esattamente l’anno e il luogo della prima esecuzione, ma è probabile che abbia avuto luogo tra il 1709 e il 1711 nella residenza del principe Filippo Ercolani, ambasciatore imperiale a Venezia.

L’opera, meraviglioso esemplare di fantasia melodica e profondità emotiva, è scritta per cinque voci soliste, archi e continuo con tiorba obbligata; il testo, di autore ignoto (forse Niccolò Minato), organizzato in cinque episodi, proviene dalle Metamorfosi e dai Fasti di Ovidio. La vicenda è ambientata in Tessaglia, nella valle di Tempe, attraversata dal fiume Peneo, luogo molto pittoresco, legato al culto di Apollo. I personaggi sono: Apollo, dio delle arti; Daphne, ninfa dei boschi; Peneo, dio fluviale; Zefiro, dio dei venti; Flora, dea della fioritura.
Le divinità protagoniste si preparano a festeggiare il compleanno della dea Aurora; ognuna di esse offre un dono e si procede in una specie di gioco incentrato sul nome dei fiori. Evidente è il significato encomiastico del soggetto, ancor più sottolineato nel coro finale con la doppia declamazione “Viva l’Aurora, Elisa viva!”.
La sinfonia d’apertura mostra le capacità contrappuntische di Albinoni che la concepisce come una fuga vera e propria. Con qualche eccezione, i recitativi sono accompagnati solo dal continuo, arie sono con gli archi obbligati. Freschezza melodica e basso continuo molto discreto sono le caratteristiche di tutta la composizione; particolarmente significativa l’aria di Daphne “Questa fronda”, e quella di Apollo “Con cetra più sonora”, con accompagnamento di tiorba obbligata.

https://diesisebemolle.wordpress.com/2013/03/31/albinoni-il-nascimento-dellaurora/


L’ADAGIO QUASI DI ALBINONI | controappuntoblog.org

Pubblicato in musica, speciale lirica | Contrassegnato , | Lascia un commento

Scoperte orme di bambino risalenti a 700 mila anni fa in Etiopia (Gombore II-2 a Melka Kunture) by uniroma1,repubblica

Orme di baby cacciatori rivelano l’infanzia nella preistoria

16 febbraio 201

Scoperta italiana in Etiopia: le impronte di bambini nel fango ci raccontano le loro abitudini 700mila anni fa

ROMA – Sono rimaste scolpite del fango di uno stagno, accanto ai resti di un ippopotamo, le impronte di un gruppo di bambini che 700.000 anni fa avevano accompagnato i genitori in una battuta di caccia. E’ questo il primo fotogramma dell’infanzia nella preistoria. Pubblicata sulla rivista Scientific Reports, la scoperta si deve ai ricercatori dell’università Sapienza di Roma, coordinati da Margherita Mussi. Il più piccolo ancora non camminava, ma era in piedi e si dondolava. Gli altri bambini di due e tre anni si muovevano intorno ai genitori, impegnati nel macellare la carcassa dell’ippopotamo, con schegge in pietra. Le loro tracce, scoperte in Etiopia, sono come una “foto di vita preistorica”, ha rilevato il primo autore, Flavio Altamura. L’istantanea mostra come i bambini dell’Homo heidelbergensis, antenato comune a noi e ai Neandertaliani, si addestrassero alla sopravvivenza. “Per la prima volta – ha detto Mussi – ci sono impronte di bambini molto piccoli, che indicano la loro presenza costante anche quando gli adulti scheggiavano e macellavano”.
Il ritrovamento eccezionale ha pochissimi precedenti: i siti con impronte umane più antichi di 300mila anni si contano nel mondo sulle dita di una sola mano. Si tratta di un livello improntato, perfettamente datato, perché direttamente coperto da un tufo vulcanico di 700mila anni fa, di Gombore II-2 sito che è parte di Melka Kunture, una località dell’alto bacino del fiume Awash, a 2mila metri slm. Qui da anni si svolgono le campagne di ricerca di uno dei Grandi scavi di ateneo, finanziato da Sapienza e dal Ministero Affari Esteri. La zona scavata corrisponde a un’area intensamente frequentata, ai margini di una piccola pozza d’acqua in cui probabilmente si abbeveravano, oltre agli ominidi, anche animali prossimi agli attuali gnu e gazzelle, nonché uccellini, equidi e suidi; anche gli ippopotami hanno lasciato tracce dei loro passaggi.

Le impronte delle varie specie si intersecano tra di loro, e si sovrappongono a tratti a quelle degli esseri umani, individui in parte adulti e in parte di 1, 2 e 3 anni. In particolare uno di questi bambini in tenera età propriamente non camminava, ma era in piedi e si dondolava: la sua è l’impronta di un piede che calpesta ripetutamente il suolo, rimanendo appoggiato sui talloni. Ha quindi lasciato impressa una serie di piccole dita (più di cinque) in parte sovrapposte dalla ripetizione del movimento.
“A Gombore II-2 abbiamo quanto possa esistere di più simile a una ‘foto di vita preistorica’”, ha spiegato Altamura. “Si può quasi dire – ha aggiunto – che qui abbiamo, 700mila anni fa, ‘i primi passi di un bambino’, mentre il resto del gruppo ed altri piccoli si dedicavano alle attività quotidiane”. Il sito infatti conserva traccia di una serie completa di attività: scheggiatura della pietra (ossidiana e altre rocce vulcaniche) con la produzione di strumenti litici, e macellazione della carne di più ippopotami. C’erano dei carnivori, ma sono venuti solo dopo a cibarsi dei resti lasciati dagli ominidi. Infatti, i morsi dei carnivori sulle ossa si sovrappongono alle tracce lasciate precedentemente dagli strumenti di pietra che avevano tagliato la carne. Quindi il gruppo umano era in pieno controllo dell’ambiente.

“Gombore II-2 è importante non solo perché sono rari i siti con impronte umane, ma perché per la prima volta non abbiamo un semplice ‘percorso nel paesaggio’, come a Laetoli, per esempio, ma invece un sito archeologico in cui sono documentate le attività quotidiane nel loro insieme”, ha spiegato Margherita Mussi, coordinatrice dello scavo. “Inoltre, per la prima volta ci sono impronte di bambini molto piccoli, che indicano la loro presenza costante – ha continuato – anche quando gli adulti scheggiavano e macellavano. Sappiamo anche di che specie di ominide si tratta, perché resti fossili di Homo heidelbergensis – l’antenato comune nostro e dei Neandertaliani – sono stati trovati a breve distanza, ma in un livello archeologico più antico, risalente a 850.000 anni fa”.

http://www.repubblica.it/scienze/2018/02/16/news/orme_di_baby_cacciatori_rivelano_l_infanzia_nella_preistoria-189011821/

Scoperte orme di bambino risalenti a 700 mila anni fa in Etiopia (Gombore II-2 a Melka Kunture)

L’eccezionale ritrovamento ha pochissimi precedenti: rarissimi i siti con impronte umane più antichi di 300.000 anni, e per la prima volta sono state trovate in un sito archeologico in cui sono documentate le attività quotidiane nel loro insieme

I siti con impronte umane più antichi di 300.000 anni si contano nel mondo sulle dita di una sola mano e anche per questo la recente scoperta in Etiopia aumenta in modo significativo le nostre conoscenze. Si tratta di un livello improntato, perfettamente datato, perché direttamente coperto da un tufo vulcanico di 700.000 anni fa, di Gombore II-2 sito che è parte di Melka Kunture, una località dell’alto bacino del fiume Awash, a 2.000m slm. Qui da anni si svolgono le campagne di ricerca di uno dei Grandi scavi di ateneo, finanziato da Sapienza e dal Ministero Affari Esteri.

La zona scavata corrisponde ad un’area intensamente frequentata, ai margini di una piccola pozza d’acqua in cui probabilmente si abbeveravano, oltre agli ominidi, anche animali prossimi agli attuali gnu e gazzelle, nonché uccellini, equidi e suidi; anche gli ippopotami hanno lasciato tracce dei loro passaggi.
Le impronte delle varie specie si intersecano tra di loro, e si sovrappongono a tratti a quelle degli esseri umani, individui in parte adulti e in parte di 1, 2 e 3 anni. In particolare uno di questi bambini in tenera età propriamente non camminava, ma era in piedi e si dondolava: la sua è l’impronta di un piede che calpesta ripetutamente il suolo, rimanendo appoggiato sui talloni. Ha quindi lasciato impressa una serie di piccole dita (più di cinque) in parte sovrapposte dalla ripetizione del movimento.

“È stata un’emozione molto intensa” spiega Flavio Altamura, il giovane il giovane dottore di ricerca, prima firma dell’articolo appena uscito sugli Scientific Reports di Nature, a cui si deve la scoperta a cui si deve la scoperta delle orme dei bambini “A Gombore II-2 abbiamo quanto possa esistere di più simile ad una “foto di vita preistorica”. Si può quasi dire che qui abbiamo, 700.000 anni fa, “i primi passi di un bambino“, mentre il resto del gruppo ed altri piccoli si dedicavano alle attività quotidiane”.

Il sito infatti conserva traccia di una serie completa di attività: scheggiatura della pietra (ossidiana e altre rocce vulcaniche) con la produzione di strumenti litici, e macellazione della carne di più ippopotami. C’erano dei carnivori, ma sono venuti solo dopo a cibarsi dei resti lasciati dagli ominidi. Infatti, i morsi dei carnivori sulle ossa si sovrappongono alle tracce lasciate precedentemente dagli strumenti di pietra che avevano tagliato la carne. Quindi il gruppo umano era in pieno controllo dell’ambiente.

“Gombore II-2 è importante non solo perché sono rari i siti con impronte umane, ma perché per la prima volta non abbiamo un semplice “percorso nel paesaggio”, come a Laetoli, per esempio, ma invece un sito archeologico in cui sono documentate le attività quotidiane nel loro insieme” spiega Margherita Mussi, coordinatrice dello scavo – “Inoltre, per la prima volta ci sono impronte di bambini molto piccoli, che indicano la loro presenza costante anche quando gli adulti scheggiavano e macellavano. Sappiamo anche di che specie di ominide si tratta, perché resti fossili di Homo heidelbergensis – l’antenato comune nostro e dei Neandertaliani – sono stati trovati a breve distanza, ma in un livello archeologico più antico, risalente a 850.000 anni fa”.

La ricerca, coordinata da Margherita Mussi del Dipartimento di Scienze dell’antichità è frutto degli scavi condotti da laureandi e dottorandi del Dipartimento stesso. In particolare, la scoperta è opera del primo firmatario dell’articolo appena pubblicato sull’argomento, Flavio Altamura, che su questa ha svolto il suo progetto di dottorato in Archeologia. Lo studio delle impronte è frutto di una cooperazione scientifica a livello nazionale e internazionale.

Scientific Reports volume 8, Article number: 2815 (2018) – Archaeology and ichnology at Gombore II-2, Melka Kunture, Ethiopia: everyday life of a mixed-age hominin group 700,000 years ago – Flavio Altamura, Matthew R. Bennett, Kristiaan D’Août, Sabine Gaudzinski-Windheuser Rita T. Melis, Sally C. Reynolds & Margherita Mussi. doi:10.1038/s41598-018-21158-7

https://www.uniroma1.it/it/notizia/scoperte-orme-di-bambino-risalenti-700-mila-anni-fa-etiopia-gombore-ii-2-melka-kunture
Margherita Mussi, «si tratta di resti fossili di Homo heidelbergensis».



Pubblicato in speciale archeologia | Contrassegnato | Lascia un commento

Festival di Berlino 2018: il programma completo – FORUM in particolare

Festival di Berlino 2018: il programma completo – GQItalia.

FORUM
– 14 Apples di Midi Z, Taiwan / Myanmar – WP
– Afrique, la pensée en mouvement Part I di Jean-Pierre Bekolo, Senegal – IP
– Aggregat (Aggregate) di Marie Wilke, Germany – WP
– Amiko di Yoko Yamanaka, Japan – IP
– Apatride (Stateless) di Narjiss Nejjar, Morocco – WP
– Aufbruch (Departure) di Ludwig Wüst, Austria – WP
– La cama (The Bed) di Mónica Lairana, Argentina / Germany / Netherlands / Brazil – WP
– La casa lobo (The Wolf House) di Joaquín Cociña, Cristóbal León, Chile – WP
– Casanovagen (Casanova Gene) di Luise Donschen, Germany – WP
– Classical Period di Ted Fendt, USA – WP
– Con el viento (Facing the Wind) di Meritxell Colell Aparicio, Spain / France / Argentina – WP
– Los débiles (The Weak Ones) di Raúl Rico, Eduardo Giralt Brun, Mexico – WP
– Den’ Pobedy (Victory Day) di Sergei Loznitsa, Germany – WP
– Die Tomorrow di Nawapol Thamrongrattanarit, Thailand – IP
– Djamilia (Jamila) di Aminatou Echard, France – WP
– Drvo (The Tree) di André Gil Mata, Portugal / Bosnia and Herzegovina – WP
– L’empire de la perfection (In the Realm of Perfection) di Julien Faraut, France – WP
– An Elephant Sitting Still di Hu Bo, People’s Republic of China – WP
– Fotbal Infinit (Infinite Football) di Corneliu Porumboiu, Romania – WP
– Gras di Hong Sangsoo, Republic of Korea – WP
– The Green Fog di Guy Maddin, Evan Johnson, Galen Johnson, USA / Canada
– + Accidence di Guy Maddin, Evan Johnson, Galen Johnson, Canada – WP
– Interchange di Brian M. Cassidy, Melanie Shatzky, Canada – WP
– Jahilya di Hicham Lasri, Morocco – WP
– Kaotični život Nade Kadić (The Chaotic Life of Nada Kadić) di Marta Hernaiz, Mexico / Bosnia and Herzegovina – WP
– Last Child di Shin Dong-seok, Republic of Korea – IP
– Madeline’s Madeline di Josephine Decker, USA – IP
– Maki’la di Machérie Ekwa Bahango, Democratic Republic of the Congo / France – WP
– Mariphasa di Sandro Aguilar, Portugal – WP
– Minatomachi (Inland Sea) di Kazuhiro Soda, Japan/USA – WP
– Notes On an Appearance di Ricky D’Ambrose, USA – WP
– Old Love di Park Kiyong, Republic of Korea – IP
– Our House di Yui Kiyohara, Japan – IP
– Our Madness di João Viana, Mozambique / Guinea-Bissau / Qatar / Portugal / France – WP
– Premières armes (First Stripes) di Jean-François Caissy, Canada – WP
– Premières solitudes (Young Solitude) di Claire Simon, France – WP
– SPK Komplex (SPK Complex) di Gerd Kroske, Germany – WP
– Syn (The Son) di Alexander Abaturov, France / Russian Federation – WP
– Teatro de guerra (Theatre of War) di Lola Arias, Argentinia / Spain – WP
– Tuzdan Kaide (The Pillar of Salt) di Burak Çevik, Turkey – WP
Germany / Uruguay – WP
– Waldheims Walzer (The Waldheim Waltz) di Ruth Beckermann, Austria – WP
– Wieża. Jasny dzień. (Tower. A Bright Day.) di Jagoda Szelc, Poland – IP
– Wild Relatives di Jumana Manna, Germany / Lebanon / Norway – WP
– Yours in Sisterhood di Irene Lusztig, USA – WP

OUR MADNESS (a film by João Viana) on Vimeo

Pubblicato in cultura | Contrassegnato | Lascia un commento

Caín – José Saramago

Descargar Libro José Saramago: Caín

Caino | José Saramago

Cenni sull’autore:  José de Sousa, padre di Saramago, era un agricoltore, che si trasferì con la famiglia a Lisbona nel 1924, dove trovò lavoro come poliziotto. Costretto ad interrompere gli studi secondari fece varie esperienze di lavoro prima di approdare al giornalismo che ha esercitato con successo su vari quotidiani. Dopo il romanzo giovanile Terra e due libri di poesia caratterizzati da una forte sensibilità ritmico-lessicale, si è rivelato acquistando fama internazionale con un’originale produzione narrativa in cui rielaborazione storica e immaginazione mistica e allegorica, realtà e finzione si mescolano in un linguaggio tendenzialmente poetico e vicino ai modi della narrazione orale. Riconosciuto come uno degli autori più significativi del Novecento, la sua produzione spazia dalla poesia al romanzo, dal teatro La seconda volta di Francesco d’Assisi e Nomine Dei ai racconti storici.
Intellettuale raffinato ed impegnato, ha spesso fatto discutere per i suoi racconti dissacranti che colpiscono al cuore i mali della nostra società. Nel 1998 l’Accademia di Svezia gli ha conferito il Premio Nobel per la Letteratura premiando le sue qualità di scrittore ma anche l’uomo delle battaglie civili.  Fissa in una frase il perché del proprio scrivere: “Le parole sono l’unica cosa immortale: quando uno è morto, ai posteri rimangono solo loro”.
Edizione: I Narratori, Feltrinelli
Numero pagine: 142

Consigliato: Consigliatissimo.

Dio non potrebbe essere mai cattivo oppure non sarebbe dio, di cattivo abbiamo il diavolo, Ma neanche può essere buono un dio che dà ordine a un padre di uccidere e bruciare sul rogo il proprio figlio solo per mettere alla prova la sua fede, questo non ordinerebbe di farlo nemmeno il più cattivo dei demoni.’

Un Saramago sorprendentemente ironico, cinicamente scettico ci delinea la storia di Caino, lo stesso personaggio che si può facilmente trovare in uno dei maggior best seller del mondo, ovvero la Bibbia e il suo Antico testamento. Attraverso le innumerevoli avventure del personaggio appena citato, l’autore ci dà un quadro abbastanza trasparente della sua visione religiosa. Non a caso, l’arguto scrittore, sceglie come protagonista di quest’opera proprio Caino, uno dei personaggi più malvagi dell’intera storia biblica. Lo fa, contrariamente a ciò che ci si può aspettare leggendo il titolo del libro e aprendo lo stesso, in una maniera del tutto originale: il protagonista non è la personificazione del male come si può pensare, ma è una persona, un essere umano come tutti gli altri, non migliore né peggiore.

Attorno alla storia da cui nacque ‘tutto’, ovvero quella di Adamo ed Eva e il peccato dovuto alla tremenda bellezza del frutto proibito ma anche e soprattutto all’ingordigia e all’irrefrenabile curiosità dovuta a ciò che non è permesso tipica dell’uomo, abbiamo le avventure in cui Caino si alterna per tutta la durata del libro come protagonista o come semplice spettatore o in alcuni casi, ‘visitatore’.

Attraverso i resoconti delle varie storie ‘religiose’ riportate all’interno dell’opera di Saramago viene delineata la figura di un Dio che, a dispetto di ciò che ci si aspetta, non perdona, un Dio infantile e vendicativo, un vero e proprio Diavolo divino. In questo penso stia il succo di tutto il racconto: il ribaltamento della tipica figura malvagia (Caino) guidata da quella forza oscura che viene solitamente definita come ‘diavolo’ e che soprendentemente viene tradotta e ricostituita in una figura buona e soggetta al potere di un Dio senza ragione, un Dio crudele nei confronti di ciò che lui stesso è riuscito a creare.

E’ un genio, quello di Saramago, che prima di questo libro non avevo mai avuto la fortuna d’incontrare, che mi ha lasciata stregata durante tutta la durata del racconto, ma anche divertita. Sono centoquarantadue pagine di puro divertimento, ma allo stesso tempo di puro ragionamento forzato. Un Saramago che, se non fosse per la sua quasi totale mancanza di punteggiatura (a parte il punto e la virgola) riceverebbe, a mio modestissimo parere, quei due punti che gli hanno impedito di arrivare ad un pieno dieci su dieci.

‘La storia degli uomini è la storia dei loro fraintendimenti con dio, né lui capisce noi, né noi capiamo lui.’

Alessandra Mugnai

https://unbuonlibrounottimoamico.wordpress.com/2012/05/22/1012/


José Saramago : Ensaio sobre a Lucidez pdf – Ensayo sobre la ceguera pdf

Cecità : Saramago José | controappuntoblog.org

Saramago José : Ensayo sobre la ceguera pdf, video , film Blindness

Ensayo sobre la ceguera – SCORPIONS [ BIG CITY NIGHTS …

Tassidermia, o poeticamente ipocrita – LUOGO COMUNE …

José y Pilar : l’amour malgré tout | controappuntoblog.org

Pubblicato in cultura | Contrassegnato | Lascia un commento