Pentagon: No Texas takeover plot, tag speciale western

Pentagon: No Texas takeover plot

By Barbara Starr, CNN Pentagon Correspondent

Updated 2337 GMT (0637 HKT) May 5, 2015

Source: CNN APWhy is Texas state guard monitoring U.S. military exercise? 02:42 
Washington (CNN)Don’t mess with Texas — even if it’s just an exercise.Amid unfounded, Internet-fueled rumors that U.S. Special Operations Forces might be trying to take over parts of the southwest, Texas Gov. Greg Abbott ordered Texas State Guard forces under his control to keep an eye on the U.S. military during a large upcoming training exercise.The exercise is called Jade Helm 15.”It is important that Texans know their safety, constitutional rights, private property rights and civil liberties will not be infringed,” Abbott said in an April 28 letter to Major Gen. Gerald “Jake” Betty, commander of the guard.RELATED: Texas shooting: Who is Pamela Gellar?Abbott ordered the guard to “monitor” the eight week-long exercise which begins in July and ends in September, across seven states. In Texas, Utah and New Mexico most of the training will take place on private land. In Arizona, Florida, Louisiana and Mississippi, much of it will take place on military installations.Some of the concerns are fueled by Internet posting of a map said to be made up for the exercise which shows Texas in bright red and lists it as “hostile” territory. The scenario for the exercise is that U.S. special operations forces travel to another continent which includes hostile nations and work with rebel underground freedom fighters there.The question for many is do Americans need to have their civil liberties protected from involvement by the U.S. military. U.S. military officials tell CNN they welcome the state guard working with them to coordinate the exercise operations in Texas, but that one sentence in the governor’s letter is without foundation.On Monday, Abbott told reporters the guard simply will gather information, monitor the exercise and report to him about what is going on. Abbott said he has been “provided assurances,” by the Defense Department that “there is nothing for the public to worry about.”

Sen. Ted Cruz said he also has asked the Pentagon what’s going on, and has been told everything is fine. But the Republican presidential candidate also indicated he understands why people may be concerned: persistent mistrust of the federal government.

Many on the Internet are convinced something is about to happen. Several websites are expressing the worries of some residents of Bastrop County, Texas, that the exercise is going to lead to a military takeover, something Pentagon officials adamantly deny.

“Jade Helm is a long planned and coordinated exercise,” Pentagon spokesman, Col. Steve Warren said. “We are not taking over anything.”

But that’s not stopping websites like the Oath Keepers’ which says, “The Internet is abuzz with speculation these exercises are not designed to prepare U.S. troops for overseas operations, but are actually designed to prepare U.S. troops for aggressive operations against American citizenry.”

Others says the military is testing the loyalty of local communities. During the exercise some of the troops will be in civilian clothes, move in civilians vehicles and carry weapons with blank ammunition. But there will be exercise monitors at all times.

Special Operations Forces officials told CNN troops often train in local areas in the U.S. with the permission of public and private landowners because it provide a realistic environment for overseas operations. And the training scenarios are made as realistic as possible with “friendly” and “enemy” territory. But in a statement explaining Jade Helm, the U.S. Army Special Operations Command said, “The size and scope of Jade Helm sets this one apart.”

There will be about 1,200 troops in Jade Helm, mainly Army Green Berets, but also a small group of Navy SEALS and Air Force special operations troops as well as conventional Army infantry.

http://edition.cnn.com/2015/05/04/politics/pentagon-texas-jade-helm-15-takeover/

Pubblicato in speciale western | Contrassegnato | Lascia un commento

Othello (O. Welles, 1952, v.o. sott. fr.) european version …e l’altra

Othello (O. Welles, 1952, v.o. sott. fr.) european version …

OTELLO

recensione di Stefano Lorusso

Du­ran­te il pe­rio­do delle Re­pub­bli­che Ma­ri­na­re, Otel­lo, detto il moro di Ve­ne­zia, viene in­via­to dal doge a di­fen­de­re la roc­ca­for­te di Cipro dai mu­sul­ma­ni, dopo il su ma­tri­mo­nio con la bella e no­bi­le De­sde­mo­na.

Aven­do scel­to Cas­sio come aiu­tan­te, Otel­lo pro­vo­ca in­vi­dia e ge­lo­sia nel per­fi­do Jago, che co­min­cia ad in­si­nua­re dubbi sulla fe­del­tà della mo­glie.

Con un ar­ti­fi­cio, il sub­do­lo Jago crea l’in­ci­den­te del faz­zo­let­to di De­sde­mo­na. A que­sto punto l’in­ge­nuo Otel­lo gli crede e folle di ge­lo­sia…

Otel­lo: rac­con­to per­fet­to e su­bli­me di vio­len­te pas­sio­ni, di ac­ce­can­ti ge­lo­sie, di odio­si tra­di­men­ti, di sot­tar­ra­nee mac­chi­na­zio­ni. In quel­la che è forse la più po­ten­te delle tra­ge­die di Wil­liam Sha­ke­spea­re, ri­splen­do­no per­so­nag­gi ora­mai iscrit­ti nella di­men­sio­ne del mito: Il Moro, Iago, De­sde­mo­na, Cas­sio. Bu­rat­ti­ni scioc­chi e in­fe­li­ci nelle mani di un sa­pien­te ma­no­vra­to­re che ot­tun­de ed il­lu­mi­na, che ri­schia­ra ed eclis­sa, che an­no­da e che scio­glie i lacci del rac­con­to con as­so­lu­ta mae­stria.

Ca­po­la­vo­ro let­te­ra­rio che (raro caso) ”par­to­ri­sce” un vi­vi­do ca­po­la­vo­ro per im­ma­gi­ni. Wel­les/Sha­ke­spea­re, au­to­ri veri en­tram­bi, così lon­ta­ni e così vi­ci­ni. Wel­les/Sha­ke­spea­re: nella forza di un bian­co e nero con­tra­sta­tis­si­mo non si smar­ri­sce nem­me­no un gra­nel­lo di quel vi­go­re te­stua­le, di quel­la vio­len­za espres­si­va che sor­reg­ge l’o­pe­ra del Bardo di Avon. Bian­co o nero: sono ban­di­te le mezze mi­su­re nell’ Othel­lo. E Orson Wel­les era uno che alle mezze mi­su­re non ci si è mai adat­ta­to…

Me­mo­ra­bi­le, ma­gni­fi­ca, ter­ri­bi­le se­quen­za ini­zia­le di bar­ba­ri­ca e tel­lu­ri­ca bel­lez­za, ad apri­re la vi­sio­ne del film. Ombre nere (le bru­cian­ti pas­sio­ni degli uo­mi­ni) ri­ta­glia­no nette ed obli­que il loro spa­zio vi­ta­le (in real­tà uno spa­zio di morte, per­chè alla morte e “la morte” con­du­co­no) sul cielo terso di campi lun­ghi fuori dal tempo. I pre­sa­gi più fu­ne­sti hanno già as­sun­to la “forma” cor­po­rea di due ca­da­ve­ri. Nei tagli espres­sio­ni­sti e nel gioco ar­chi­tet­to­ni­co dei pieni/vuoti, avan­za lenta e so­len­ne una pro­ces­sio­ne di uo­mi­ni e croci.

Im­pos­si­bi­le li­be­rar­si di si­mi­li im­pres­sio­ni sen­so­ria­li, im­pos­si­bi­le sgom­bra­re il campo (vi­si­vo ed emo­zio­na­le) da si­mi­li ap­pa­ri­zio­ni, im­pos­si­bi­le non ca­de­re pri­gio­nie­ri della fa­sci­na­zio­ne che esplo­de in que­sti fo­to­gram­mi. A se­gui­re, il gran­dio­so ludus wel­le­sia­no si di­pa­na in un for­sen­na­to suc­ce­der­si di in­qua­dra­tu­re sghem­be (de­bi­tri­ci dei Numi dell’espres­sio­ni­smo te­de­sco), di ro­boan­ti ba­roc­chi­smi fi­gu­ra­ti­vi, di li­be­ris­si­mi mo­vi­men­ti di mac­chi­na.

A fare da col­lan­te un mon­tag­gio fre­ne­ti­co, che in un fiam­meg­gian­te mo­sai­co di im­ma­gi­ni con­giun­ge fram­men­ti di ful­mi­nea du­ra­ta (con Iago pro­ta­go­ni­sta, per­so­nag­gio sfug­gen­te e sfin­geo nella sua dia­bo­li­ca per­ver­sio­ne) a piani se­quen­za più pa­ca­ta­men­te svi­lup­pa­ti (mo­men­ti che in ge­ne­re de­fi­ni­sco­no la gi­gan­te­sca fi­gu­ra di Othel­lo, la più gran­de vit­ti­ma della per­fi­da mac­chi­na­zio­ne del suo servo). Con­trap­pun­ti sti­li­sti­ci per mar­ca­re la pro­fon­da di­ver­si­tà “di spi­ri­to” dei due pro­ta­go­ni­sti, quin­di: il cor­rut­to­re e il cor­rot­to, il per­fi­do in­gan­na­to­re e l’in­no­cen­te in­gan­na­to.

En­tram­bi pe­di­ne di una par­ti­ta a scac­chi gio­ca­ta dai de­mo­ni delle istin­tua­li­tà umane. Mo­nu­men­ta­le prova at­to­ria­le di Mi­cheal Ma­cLiam­moir, da molti de­fi­ni­to “il più gran­de Jago della sto­ria del ci­ne­ma“, di lu­ci­fe­ri­na ma­li­gni­tà e fe­ro­cia. Per non par­la­re del ma­gni­fi­co Moro Wel­le­sia­no, in cui le con­ces­sio­ni al­l’en­fa­si sono spes­so in­tel­li­gen­te­men­te te­nu­te a freno da un la­vo­ro di scavo psi­co­lo­gi­co de­ci­sa­men­te riu­sci­to.

Gi­ra­to nel­l’ar­co di quat­tro lun­ghi anni (1949-1952) tra l’I­ta­lia e il Ma­roc­co, il film co­nob­be non poche tra­ver­sie in fase di pro­du­zio­ne, com­pre­so il fal­li­men­to della casa che aveva ac­cet­ta­to ori­gi­na­ria­men­te di so­ste­ne­re il pro­get­to. Molto com­ples­so nel­l’u­so delle sce­no­gra­fie, rag­giun­ge pro­prio gra­zie alla co­stru­zio­ne di quel “rea­li­smo fit­ti­zio” così in­di­spen­sa­bi­le nel ci­ne­ma (a dif­fe­ren­za del tea­tro) la sua piena di­gni­tà di ca­po­la­vo­ro ci­ne­ma­to­gra­fi­co.

Nel pre­ce­den­te Mac­be­th, Wel­les com­pien­do una scel­ta ra­di­cal­men­te di­ver­sa (quel­la di ri­nun­cia­re quasi del tutto alla sce­no­gra­fia e alla co­stru­zio­ne della messa in scena) aveva fi­ni­to per far soc­com­be­re il film sotto la scure della tea­tra­li­tà. In Otel­lo que­sto pe­ri­co­lo è fu­ga­to e su­pe­ra­to at­tra­ver­so l’uso co­scien­te e ar­ti­co­la­to degli spazi sce­no­gra­fi­ci. Sem­pre al­l’in­se­gna della estre­ma (e tut­ta­via ri­cer­ca­ta e vo­lu­ta) fram­men­ta­zio­ne e de­strut­tu­ra­zio­ne del testoWel­les in Otel­lo gioca per­si­no me­sco­lan­do le carte dei luo­ghi del­l’a­zio­ne. Le chi­lo­me­tri­che di­stan­ze tra set di­ver­si e lon­ta­nis­si­mi si pos­so­no su­tu­ra­re at­tra­ver­so l’a­stu­ta ma­ni­po­la­zio­ne del mon­ta­to.

In un’in­ter­vi­sta lo stes­so Wel­les avrà modo di dire, con il suo im­pa­vi­do tono au­to­com­pia­ciu­to: “Iago esce dal por­ti­co della chie­sa di Tor­cel­lo, un’i­so­la della la­gu­na ve­ne­ta, per en­tra­re in una ci­ster­na por­to­ghe­se. Ha at­tra­ver­sa­to e cam­bia­to con­ti­nen­te nel bel mezzo di una frase. In Otel­lo suc­ce­de con­ti­nua­men­te. Una scala to­sca­na si pro­lun­ga in un ter­ra­pie­no ma­roc­chi­no per co­sti­tui­re uno spa­zio unico. Ro­de­ri­go col­pi­sce Cas­sio a Ma­za­gan e Cas­sio re­sti­tui­sce il colpo ad Or­vie­to, a mille mi­glia di di­stan­za“. E’ la fal­si­fi­can­te e stra­fot­ten­te ge­nia­li­tà wel­le­sia­na al­l’o­pe­ra. E’ il bef­far­do gusto dello scher­zo, ti­pi­co del gran­de Orson. Pren­de­re o la­scia­re. F per falso, quindi…​ma falso d’au­to­re. Un gran­dis­si­mo falso d’au­to­re.

http://www.storiadeifilm.it/altro/artistico_allegorico/orson_welles-otello%281952%29.html


orson welles missing tapes , F come Falso

Ed Wood – Edward incontra Orson Wells – ORSON WELLES : It’s All True

Quarto potere , Citizen Kane Orson Welles. completo ita + clip, analisi ; Soundtrack

Rapporto confidenziale ,Mr. Arkadin : Orson Welles

Rapporto Confidenziale (Orson Welles) – La rana e lo …

Orson Welles il monologo perduto del Mercante di Venezia .

Orson Welles – The Hearts of Age (1934 …

The Deep | controappuntoblog.org

La ballata del vecchio marinaio Coleridge The Rime of the .

Il processo (1962) Orson Welles, dal romanzo di Franz Kafka

Orson Welles on Work-Life Balance and the Gift of ..

The lady from Shangai. | controappuntoblog.org

third man´s theme : mi piace troppo! | controappuntoblog.org

LA SOLITUDINE DELL’UOMO MERCE | controappuntoblog …

Pubblicato in cultura | Contrassegnato | Lascia un commento

orson welles missing tapes , F come Falso

La recensione di Marcello del Campo

stelle

Falso come in uno specchio

All’inizio di F. For Fake Orson Welles (che interpreta se stesso) si fa riprendere da François Reichenbach nell’atrio di una stazione ferroviaria mentre esegue alcuni numeri di giochi di prestigio. Afferma che racconterà in sessanta minuti una storia e che dirà soltanto la verità. Quindi presenta al pubblico due falsari, Elmyr De Hory, falsario d’arte e Clifford Irving il suo biografo[1], autore tra l’altro di una falsa autobiografia di Howard Hughes. Sull’apparenza di un‘inchiesta sulle opere e le ambizioni di veri falsari, Welles combina un racconto a incastri montando materiali eterogenei, dal cinema-inchiesta alle interviste in presa diretta (alcune cineprese nascoste ci mostrano passanti sorpresi di fronte all’attrice, la bellissima compagna di Welles, Oja Kodar che saluta Orson in partenza per Ibiza dove intervisterà De Hory), pezzi di repertorio su Howard Hughes, fotografie di Picasso adirato (Oja Kodar era stata la sua modella per venticinque quadri ma è anche la nipote di un vecchio grande falsario che aveva addirittura allestito a Parigi una mostra con copie perfette dei ritratti del maestro a Oja.) Racconta Welles che Picasso si recò dal vecchio e trovandolo in punto di morte, sì lasciò convincere anche a non denunciarlo. A questo punto Welles si accorge di avere superato di diciassette minuti il tempo di un’ora di verità e il film termina.

In F. For Fake si raccontano fatti veri che hanno per oggetto il falso. Lo stesso Welles, tra l’altro, all’inizio della sua carriera, sedicenne, si presentò in un teatro irlandese fingendosi un divo di Broadway. Ed è altresì notissima la trasmissione radiofonica della B.B.C. nel 1938 nella quale Welles, raccontando La guerra dei mondi di Herbert G. Wells, scatenò una gigantesca psicosi collettiva, simulando un’invasione degli Usa da parte di ignoti extraterrestri.

In un’opera dove i protagonisti sono dei falsari, qual è la possibilità di verità, soprattutto quando il falso è doppio, quando cioè un falsario d’arte viene raccontato da un falsario letterario?

Se a questi due falsari aggiungiamo il Welles-narratore-impostore, il quadro si complica ulteriormente.
Ma è lo stesso Welles che offre un elemento di chiarimento quando, soffermandosi sul capolavoro anonimo della cattedrale di Chartres (visione notturna di dissolvenze su particolari architettonici), afferma che Howard Hughes è uno straordinario personaggio senza autore, mentre la cattedrale è un capolavoro anonimo aldilà dell’autenticità dello/degli autore/i. Davanti al fascino di questa, il dilemma vero-falso si annulla nel teorema estetico del bello come autentico.
Welles sa bene che De Hory, pure vantando un tratto superiore rispetto a Matisse non crea ma replica, non afferma il vero ma finge; così anche il cinema è finzione, lo stesso Welles è finzione e c’è un momento nel film in cui Welles disegna l’autoritratto di Michelangelo, perfetti Modigliani che getta nel fuoco come lo slittino Rosebud: una condizione dell’immaginario che l’astuzia dell’autore mette in scena come il gioco di prestigio alla stazione o i numeri di magia alla corte d’Inghilterra, “un trucco infantile, un artificio ipnotico che ha tutta la sua forza nel non essere.”[2]
L’11 dicembre 1976 muore Elmyr De Hory, suicida per evitare una condanna penale, Howard Hughes era morto qualche mese prima. Welles cadde in una forte crisi depressiva, tanto forte era stato il processo d’identificazione tra il regista e l’ingegnoso e onesto falsificatore.

[1] Irving Clifford, Fake! La vera storia di Elmyr De Hory, il più grande falsario di tutti i tempi, Editore Lupetti, 2011
[2] Marco Salotti, Orson Welles, Moizzi Edit., Milano, 197

http://www.filmtv.it/film/13027/f-come-falso-verita-e-menzogne/recensioni/568087/#rfr:none



Ed Wood – Edward incontra Orson Wells – ORSON WELLES : It’s All True

Quarto potere , Citizen Kane Orson Welles. completo ita + clip, analisi ; Soundtrack

Rapporto confidenziale ,Mr. Arkadin : Orson Welles

Rapporto Confidenziale (Orson Welles) – La rana e lo …

Orson Welles il monologo perduto del Mercante di Venezia .

Orson Welles – The Hearts of Age (1934 …

The Deep | controappuntoblog.org

La ballata del vecchio marinaio Coleridge The Rime of the .

Il processo (1962) Orson Welles, dal romanzo di Franz Kafka

Orson Welles on Work-Life Balance and the Gift of ..

The lady from Shangai. | controappuntoblog.org

third man´s theme : mi piace troppo! | controappuntoblog.org

LA SOLITUDINE DELL’UOMO MERCE | controappuntoblog …

Quarto potere , Citizen Kane Orson Welles. completo ita + clip, analisi ; Soundtrack

Rapporto confidenziale ,Mr. Arkadin : Orson Welles

Rapporto Confidenziale (Orson Welles) – La rana e lo …

Orson Welles il monologo perduto del Mercante di Venezia .

Orson Welles – The Hearts of Age (1934 …

The Deep | controappuntoblog.org

La ballata del vecchio marinaio Coleridge The Rime of the .

Il processo (1962) Orson Welles, dal romanzo di Franz Kafka

Orson Welles on Work-Life Balance and the Gift of ..

The lady from Shangai. | controappuntoblog.org

third man´s theme : mi piace troppo! | controappuntoblog.org

LA SOLITUDINE DELL’UOMO MERCE | controappuntoblog …

Pubblicato in cultura | Contrassegnato | Lascia un commento

La denuncia del compagno Lello Valitutti , ascolta

La denuncia di Lello Valitutti

Fatto oggetto di un’infame campagna mediatica dopo il primo maggio milanese, abbiamo sentito Lello Valitutti riguardo alle minacce mafiose a lui rivolte da alcuni sgherri in borghese. Una denuncia, una precisazione e un paio di considerazioni.

ascolta :

http://www.radiocane.info/wp-content/uploads/2015/05/lello.mp3

http://www.radiocane.info/lello/

Pubblicato in ricette crisi | Contrassegnato | Lascia un commento

film del giorno : Matrix

Matrix – di Andy e Larry Wachowski-

dicembre 4, 2011 di vadovetiportailciak

Trama:
Thomas A. Anderson ha una doppia vita: di giorno è un qualsiasi programmatore di computer ma di notte si trasforma in un hacker, conosciuto come Neo. Neo si è sempre fatto domande sulla sua vita, ma la verità va assai oltre ogni immaginazione. Neo si ritrova braccato dalla polizia dopo esser stato contattato da Morpheus, un hacker leggendario etichettato come terrorista da parte del Governo. Morpheus ‘risveglia’ Neo mettendolo al corrente della realtà dei fatti: la terra è ormai ridotta ad un’unica area desolata e devastata, dove la maggior parte degli esseri umani sono stati catturati da intelligenze artificiali che attingono energia elettrica dai corpi umani, ‘coltivati’ in stato di totale incoscienza dentro a delle specie di bozzoli, mentre nella loro mente viene indotta, mediante connessioni ai centri sensoriali, la convinzione di vivere una vita cosiddetta ‘normale’, all’interno di una realtà artificiale denominata Matrix. Con questa nuova consapevolezza Neo si ribella alle macchine e fa ritorno a Matrix scontrandosi con gli Agenti, che non sono altro che superpotenti programmi di computer che hanno il compito di eliminare Neo e soffocare la ribellione della razza umana

Commento:
Matrix è veramente un bel film, un film con una sceneggiatura molto articolata, ma che viene raccontata con una grande semplicità e gradualmente riesce a catturare lo spettatore sorprendendolo e catturandolo sempre di più.
Il punto forte del film oltre alla sceneggiatura sono i bellissimi effetti speciali usati nel film, ma soprattutto le innovatiche tecniche di inquadratura utilizzate che immergono il telespettatore nel pieno dell’azione.
La colonna sonora del film è vivace ed avvincente e sostiene costantemente il film in ogni momento.
Buona la prova interpretativa dei tre attori principali.
Ottimo Keanu reeves nella parte del protagonista Neo, pronto, una buona mimica facciale e con tutti i tempi giusti.
Un grandino sopra il protagonista troviamo Laurence Fishburne nella parte di Morpheus, grazie a questo ruolo Fishburne è entrato nella ribalta del cinema mondiale.
Eccellente anche la prova di Carrie-Anne Moss nel ruolo di Trinity.
Un altro punto vincente per Matrix è sicuramente la bellissima fotografia.
Sicuramente un capolovoro della cinematografia degli ultimi 20 anni.
La sceneggiatura del film ammicca molto alle teorie delle filosofie orientali, richiamando spesso i concetti di realtà alternativa o vacuità trattandoli in maniera semplice ed affascinante.
Per completare poche parole sui costumi che sono stati scelti in maniera molto attenta e ricercata.
Un ulteriore punto vincente sono stati i dialoghi, semplici corti ed efficaci che ricordano lo stile di Cormac McCharty

Voto 9.

https://vadovetiportailciak.wordpress.com/2011/12/04/matrix-di-andy-e-larry-wachowski/

loi sur le renseignement – la nuova legge francese ; tutti i post sulla società del controllo….

Pubblicato in cultura | Contrassegnato | Lascia un commento

loi sur le renseignement – la nuova legge francese ; tutti i post sulla società del controllo….

L’Assemblée adopte le projet de loi sur le renseignement

AFP

À CHAUD

La majorité des députés PS, UMP, UDI et la quasi-totalité des radicaux de gauche ont voté pour. Le Front de gauche et la plupart des écologistes l’ont rejeté.

Les députés ont approuvé mardi à une large majorité le projet de loi sur le renseignement. Le texte a recueilli 438 voix pour, 86 contre et 42 abstentions. Il a été adopté par la majorité des députés PS, UMP, UDI et la quasi-totalité des radicaux de gauche, et rejeté par le Front de gauche et la plupart des écologistes. Ce vote ne met pas un terme aux controverses, qui se poursuivront fin mai au Sénat.

La grande majorité des députés UMP (143) ont voté pour, leur président Christian Jacob estimant que «la première des libertés, c’est la sécurité». Néanmoins, 35 UMP ont voté contre (20 se sont abstenus), parmi lesquels des spécialistes du numérique comme Lionel Tardy et Laure de la Raudière, mais aussi des élus proches de la Manif pour tous comme Claude Goasguen ou Jean-Frédéric Poisson, qui s’inquiètent de la possibilité de surveiller «tout organisateur de manifestations».

Un groupe de 75 députés, dont 66 UMP, entend d’ailleurs saisir le Conseil constitutionnel «pour poser leurs propres questions», indépendamment de la saisine de François Hollande. Dans un souci d’apaisement, le président de la République avait annoncé par avance qu’il saisirait lui-même le Conseil constitutionnel au terme de la navette parlementaire, fait inédit, pour apporter la «garantie» que ce texte est «bien conforme» à la Constitution.

A l’UDI, 17 députés ont voté pour, dont le président du parti Jean-Christophe Lagarde, et 11 contre, dont l’ancien ministre de la Défense Hervé Morin.

http://www.liberation.fr/societe/2015/05/05/l-assemblee-adopte-le-projet-de-loi-sur-le-renseignement_1292139

La nuova legge francese sulla sorveglianza

È stata approvata per adeguare gli strumenti anti-terrorismo dopo gli attentati di Parigi, ma è molto contestata e accusata di imporre una sorveglianza di massa

Martedì 5 maggio l’Assemblea nazionale francese ha approvato un controverso progetto di legge sulla sorveglianza e sui servizi segreti: hanno votato a favore 438 deputati, con 86 contrari e 42 astenuti. La legge dovrà ora essere esaminata al Senato; François Hollande ha promesso di portare la legge davanti al Consiglio Costituzionale, massima autorità in Francia per quanto riguarda il rispetto dei principi costituzionali, una volta approvata.

Il disegno di legge, composto da una quindicina di articoli, è stato discusso con pro­ce­dura d’urgenza, cioè con un solo passag­gio previsto per ogni camera: rappresenta la risposta legislativa agli atten­tati con­tro la redazione di Char­lie Hebdo e il supermercato ebraico Hyper­Cacher del 7–9 gen­naio scorso a Parigi, e l’attacco informatico con­tro Tv5 Monde avvenuto nella notte tra l’8 e il 9 aprile. L’obiettivo è dare un quadro legale alle pra­ti­che delle sei strutture in cui si divide l’intelligence francese, che sorveglia i cittadini francesi e chiunque comunichi al telefono o via Internet con cittadini francesi.

Il disegno di legge è stato molto contestato, con manifestazioni e raccolta di petizioni dalle organizza­zioni di difesa dei diritti umani, dai sin­da­cati della magi­stra­tura, dai pre­si­denti di commissioni di con­trollo sulle libertà, da avvocati, gior­na­li­sti, dai pro­vi­der di internet e dalle società che gestiscono server e dati, che minac­ciano di trasferirsi all’estero per evitare le nuove norme. La legge è accu­sata di imporre in Fran­cia una sor­ve­glianza di massa e di considerare tutti in qualche modo sospetti “fino a prova contraria”. Il primo ministro Manuel Valls ha detto che si tratta invece di una proposta «proporzionata», che non ha niente a che fare con il Patriot Act approvato negli Stati Uniti dopo l’11 settembre 2001 e a cui molti, descrivendola, fanno riferimento. La precedente legge francese sulle intercettazioni risale al 1991, quando nella società praticamente non esistevano né Internet né i telefoni cellulari.

Gli obiettivi
Il disegno di legge definisce le aree a cui si possono richiamare i servizi segreti per giustificare la loro sorveglianza. Queste includono, in modo piuttosto ovvio, «l’indipendenza nazionale, l’integrità del territorio, la difesa nazionale» e la «prevenzione del terrorismo». Ma includono anche la prevenzione «della criminalità e del crimine organizzato», la protezione «degli interessi economici essenziali per la Francia» e quelli della «politica estera nazionale» o la prevenzione di «violenze collettive che pos­sono ledere la sicu­rezza nazio­nale». Formule molto ampie e ambigue che secondo gli oppositori al testo potrebbero permettere una stretta sorveglianza di attivisti o manifestanti. Vari mini­steri (Difesa, Interni, Giu­sti­zia) potranno attin­gere a que­sti dati senza particolari controlli.

L’autorizzazione e la commissione di controllo
Le ope­ra­zioni di sor­ve­glianza rice­ve­ranno l’autorizzazione non di un giudice ma del primo mini­stro, sen­tito il parere di una nuova strut­tura indipendente amministrativa: la Com­mis­sione nazionale del controllo tec­nico dei ser­vizi di infor­ma­zione (CNCTR), composta da sei magistrati, tre deputati e tre senatori di maggioranza e opposizione, e da un esperto della materia.

I casi di urgenza previsti dalla legge sono due: da una parte una “emergenza assoluta”, per la quale si potrà procedere senza il parere del CNCTR ma non senza l’autorizzazione del primo ministro. Dall’altra «un’urgenza operativa» per cui basterà la decisione del capo dei servizi segreti: questo dovrà comunque informare il CNCTR e il primo ministro, che avranno il potere di imporre il blocco dell’operazione. Tra queste “emergenze” non ci sono l’intrusione in un domicilio o il monitoraggio di un giornalista, di un parlamentare o di un avvocato: in questi casi, insomma, dovrà essere applicata la procedura standard. Il parere del CNCTR non sarà vincolante ma, se riterrà che la legge viene violata, potrà rivolgersi al Consiglio di Stato e avrà anche poteri investigativi.

Scatole nere
Con l’obiettivo di sventare minacce provenienti da soggetti non ancora identificati, un articolo del nuovo disegno di legge prevede l’obbligo di «rilevare una minaccia terroristica sulla base di processi automatici». Questa misura – autorizzata dal primo ministro ogni quattro mesi – permetterà di rilevare, in tempo reale o quasi, le persone con un’attività online tipica e simile a quella utilizzata dai terroristi per trasmettere le informazioni. In pratica i servizi segreti potranno installare presso i fornitori di servizi Internet una “scatola nera” per monitorare il traffico e analizzarlo in base ad algoritmi predisposti con “scenari tipo” di comportamenti terroristici. Non verrebbe controllato il contenuto delle comunicazioni – che rimarrebbe “anonimo” – ma solo i metadati, dice la legge: l’origine e il destinatario di un messaggio, l’indirizzo IP di un sito visitato, la durata della chiamata o la connessione. Questi dati non verrebbero poi conservati. Per risalire all’identità del titolare dei metadati saranno necessarie l’autorizzazione del primo ministro e il parere del CNCTR.

Questa è anche una delle disposizioni più controverse del progetto di legge: riguarderà tutti i fornitori di servizi Internet quindi anche tutti gli utenti francesi. Il dispositivo funzionerà come una sorta di “pesca a strascico” alla ricerca di pochi individui. Il governo nega qualsiasi somiglianza con le controverse modalità di sorveglianza praticate negli Stati Uniti dalla NSA, la National Security Agency, sostenendo in particolare che i dati non saranno memorizzati e che questa attività sarà controllata da una nuova commissione.

L’estensione della sorveglianza
Il monitoraggio dei metadati sarà utilizzato anche per cercare di individuare nuovi potenziali profili di terroristi. Il governo ritiene che questo sia un modo efficace per individuare le persone che oggi passano “tra le fessure del sistema”, per esempio quelle partite per la Siria o Iraq senza aver compiuto alcuna attività sospetta prima del loro viaggio. Per la loro individuazione la legge prevede l’estensione del monitoraggio di tutti coloro che sono entrati in contatto con persone già sospettate, attraverso l’estrazione dei dati, l’analisi del loro contenuto, dei loro contatti, della loro frequenza e delle modalità di comunicazione.

Nuovi strumenti e metodi per la raccolta
I servizi potranno anche installare microfoni in una stanza o microspie su un oggetto (un’auto, per esempio) o all’interno di un computer. Sarà autorizzato anche l’uso di antenne che permettono di intercettare conversazioni telefoniche. Il numero massimo di questi dispositivi sarà fissato con un decreto dopo il parere del CNCTR.

La legge introduce anche misure di sorveglianza internazionali che hanno forme di autorizzazione più blande: in particolare saranno facilitate le procedure di controllo quando il mittente di una comunicazione è in Francia e il ricevente all’estero (quando cioè un francese parlerà con una persona che si trova fuori dal territorio nazionale). Tuttavia, come sottolineato dai critici, sarà difficile stabilire se si tratta di una questione nazionale o internazionale: sia il ricevente che il mittente potrebbero trovarsi in Francia ma utilizzare una rete di telecomunicazioni internazionale.

Un nuovo registro
La legge prevede la creazione di un registro giudiziario nazionale degli autori di reati terroristici, in cui i dati potranno essere conservati per 20 anni. Questo file riguarderà le persone che sono state condannate o che sono in attesa di appello. Anche i minori potranno essere inclusi e i dati che li riguardano conservati fino a dieci anni. L’inserimento nel registro non sarà automatico ma subordinato alla decisione di un tribunale. Potranno essere inserite anche persone che hanno ricevuto certi tipi di avvisi di garanzia (quella che in Francia viene definita “mix en examen”). In caso di non luogo a procedere, assoluzione, amnistia o riabilitazione, le informazioni verranno cancellate.

Sorveglianza in carcere
Queste tecniche di sorveglianza, con decreto successivo all’approvazione della legge, potranno essere legalizzate anche all’interno di un carcere. La ministra francese della Giustizia, Christiane Taubira, ha detto di non essere favorevole a questa disposizione poiché i servizi segreti penitenziari saranno snaturati e trasformati in servizi segreti veri e propri.

Conservazione dei dati
Il periodo di conservazione dei dati raccolti – che dipenderanno dalla tecnica utilizzata – è stato incluso nella legge, in contrasto con il progetto iniziale del governo che intendeva fissare questi limiti per decreto e in un momento successivo. Si potranno raggiungere anche i cinque anni nel caso dei dati di connessione, con alcune eccezioni per cui non sono previsti limiti.

Protezione delle denunce
La nuova legge prevede anche una forma di protezione per gli agenti che denunceranno eventuali irregolarità. Potranno rivolgersi alla Commissione di controllo fornendo delle prove e sarà vietata qualunque misura di ritorsione nei loro confronti.

http://www.ilpost.it/2015/05/06/nuova-legge-francia-sorveglianza-servizi-segreti-antiterrorismo/


La loi sur le renseignement expliquée en patates di lemondefr

Stockholm: Microchipped and workers in italiano pure …

Rodotà, Una costituzione per Internet: e tutti i link su Big …

Carlo Formenti, Le cavie di Facebook e la manipolazione …

un futuro di macchine pensanti e microchip sottocutanei

Le società di controllo 2. Paradigma Matrix: Big Data, Prism …

Le società di controllo 1. Paradigma Minority Report: libertà …

Gli orologi con Android : Le società di controllo 2 …

Le società di controllo. 1. Minority Report, libertà o sicurezza – The Minority Report – CW Anderson

Dalla sorveglianza moderna alla New Surveillance. Il ruolo delle tecnologie informatiche nei nuovi metodi di controllo sociale

Iris scanner technology shelved: Samsung Galaxy S5 and LG G3 might come with fingerprint sensors instead : Agamben, Che cos’è un dispositivo

Michel Foucault- Sorvegliare e Punire. | controappuntoblog.org

NSA collecting phone records of millions of Verizon customers daily …

The Conversation film 1974 – La conversazione …

The Conversation (1974) | controappuntoblog.org

The Conversation – Main theme | controappuntoblog.org

PRISM è un regime di intercettazione globale. La storia della NSA, il …

La spia (The Thief, 1952) | controappuntoblog.org

Introduzione alle società di controllo | controappuntoblog.org

Facebook riconoscerà le emozioni dei nostri post; Facebook ‘deep learning’ -Dalla sorveglianza moderna alla New Surveillance…..NSA collecting phone records of millions of Verizon customers daily …

10 motivi per ricordare Aaron Swartz – Aaron Swartz: The Documentary – Teaser

Il confine come metodo Corte3 video – controappuntoblog.org

The Minority Report – CW Anderson

3D Printing & Additive Manufacturing Industrial Applications …

Pubblicato in carcere repressione, schiavitù e capitalismo | Contrassegnato | Lascia un commento