The Woman in the Window, LA DONNA DEL RITRATTO F. Lang ; Close Examination: ‘Woman at a Window”| The National Gallery, London

LA DONNA DEL RITRATTO
di F. Lang
di Michele Canalini
Scopo di questa rubrica è analizzare i grandi CAPOLAVORI del ’900 e quindi di IERI. Contestualizzarli ad OGGI per capire se la prova del TEMPO li ha resi ETERNI o superati. Verranno presi in esame solo opere che all’epoca venivano considerati CAPOLAVORI per capire, analizzando il contenuto e la forma, gli aspetti che li hanno resi tali da essere, circoscritti al loro TEMPO per ovvi motivi sociali o, ETERNI anche OGGI e DOMANI.
Un professore universitario, stimato e riconosciuto per i suoi studi di psicologia criminale, conduce una vita tranquilla e di grande benessere, diviso tra famiglia, amici e obblighi professionali. Un’esistenza piacevole, agiata, adeguata alla posizione alto-borghese che l’uomo occupa all’interno della società. Un giorno, però, salutando la famiglia per un breve periodo di separazione, resta da solo in città. Niente di preoccupante, se non che, camminando per la strada, vede in una vetrata di un negozio un bellissimo ritratto di una donna dai lunghi capelli e dallo sguardo ammaliante. E non molto tempo dopo la donna prende vita, diventando reale in carne e ossa: e da lì cominciano una serie di vicende tra loro intrecciate e sempre più all’insegna del pericolo, che trascinano il protagonista in un vortice di crimini, delitti e conseguenze di ogni tipo che solo nel finale giungeranno al loro approdo. Ma di più non si può dire per non togliere nulla a chi si vuol porre alla visione di questo ingegnoso thriller che, in un lento crescendo emotivo, inchioda lo spettatore allo schermo lasciandolo sempre più desideroso di giungere alla fine per la soluzione dell’enigma. Fritz Lang dirige con maestria l’esperto Edward G. Robinson nei panni di Richard Wanley, un uomo improvvisamente finito nel precipizio della disgrazia ma capace, grazie alla propria sagacia e alla conoscenza degli aspetti specifici dell’antropologia criminale, di escogitare continue soluzioni per cercare di uscire dai guai fino all’esito finale, tanto folgorante quanto inaspettato. Il regista austriaco ha voluto mettere in scena con questa pellicola l’effetto ingigantito e talora nefasto che può avere un imprevisto nell’esistenza di una persona e più in generale nell’animo umano, anche quando riguarda l’animo di un insospettabile professore universitario, nel momento in cui le vicende della vita catapultano l’uomo ai limiti dell’abisso della perdizione, là dove si pone il confine tra ciò che è moralmente giusto e ciò che si presenta come assolutamente deplorevole e degno di condanna. È forte l’impatto emozionale dato dalla partecipazione alle azioni del malcapitato

Wanley che d’un tratto si comporta come un perfetto, ma lucido, criminale; e tuttavia la fredda ragione non gli impedisce di disseminare qua e là indizi che possono ricondurre le forze di polizia proprio a lui, rispettabile e integerrimo borghese suo malgrado trasformato in uno scaltro ma inesperto criminale. E ad accompagnarlo in queste vicende c’è la donna del ritratto, ora viva e più bella che mai grazie al viso splendido e immacolato di Joan Bennett. La pellicola è del 1944, per un nostalgico giallo in bianco e nero: ma non c’è di che preoccuparsi, perché la suspense è garantita al di là degli anni trascorsi dalla realizzazione del film. Anzi, è sempre la stessa perché questa è un’opera di un grande maestro del cinema: e lo stato di trepidazione resta lo stesso, con il suo carico di forte apprensione, per lo spettatore di IERI, per chi vede il film OGGI e per chi lo guarderà un DOMANI, restandone sicuramente affascinato.

http://www.cinema4stelle.it/la_donna_del_ritratto.html

Critica e pubblico completamente concordi. Un piccolo gioiello, mille volte imitato ma mai eguagliato.

Delitto di lesa maestà per un capolavoro del cinema, un film indimenticabile che ha fatto scuola: sugli schermi televisivi circola una copia colorata, uno scempio che distrugge la magnifica fotografia di Milton Krasner e annulla la mirabile atmosfera creata dal grande Fritz Lang (che, anche in America, non dimentica la lezione espressionista).

Coinvolgente, onirico, beffardo, raffinato e preciso, teso e massimamente asciutto, a volte surreale … uno dei più celebri noir degli anni 40 (l’epoca d’oro per questo genere). Amato immediatamente dagli spettatori alla sua uscita, osannato da tutti gli addetti ai lavori: “Un Fritz Lang a 18 carati” (Internet Theater), tratto da un romanzo di J.H. Wallis, che il regista tedesco utilizza per riprendere i temi a lui cari dello sdoppiamento tra realtà e apparenza, del confine spesso labile tra innocenza e colpevolezza…” (MyMovies), “Superlativo noir dallo stile inesorabile” (il Morandini).

Giusta l’analisi (impossibile non concordare) di Emanuela Andreocci: La sempre attenta e onnipresente regia di Lang dissemina tutto la pellicola di copiose indicazioni che lo spettatore, non pronto subito a coglierle, prenderà in considerazione solo in seguito, scoprendo che fin dall’ inizio il regista è stato estremamente generoso nell’ offrire indizi metonimici e numerose chiavi di lettura significative.
Sulla lavagna, con la macchina da presa che pian piano si avvicina zoommando sulla figura del professore, leggiamo chiaramente il nome di Sigmund Freud. Nulla di strano che per una lezione del genere sia citato il padre della psicanalisi, ma non è una scelta né ovvia né casuale: anche questo, come molti altri, è un segno voluto”.

Superlativo il cast che vede riuniti tanti volti indimenticabili della Hollywood di un tempo, con -tra gli altri- un sempre magnifico Edward G. Robinson dall’eccezionale talento (qui in una delle sue migliori interpretazioni) e, nel ruolo della dark lady di turno, una splendida Joan Bennett (che Lang utilizzerà per ben quattro volte).

Una vera e propria lezione di cinema… da non vedere in televisione.

p.s.

1) Lo stesso cast comparirà un anno dopo ne La strada scarlatta

2) Nel 1997 è uscito un fortunatissimo romanzo dello spagnolo Javier Cercas che riprende il titolo del film di Lang: vi si parla del fallimento esistenziale del protagonista che, all’uscita di un cinema, dove proiettano “La donna del ritratto”,  si imbatte nella ragazza che aveva inutilmente amato nella sua giovinezza…

scheda

http://cinemaleo.wordpress.com/2009/12/03/%E2%80%9Cla-donna-del-ritratto%E2%80%9D/



 

 

 


F.Lang

Clash By Night – La confessione della signora Doyle Fritz .

Top 5 – Fritz Lang | controappuntoblog.org

You Only Live Once Friz Lang : sono innocente | controappun

Questa voce è stata pubblicata in cultura e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

I commenti sono chiusi.