Forza Bruno!

Forza Bruno!
Vogliono condannare Bruno Bellomonte, capostazione di Sassari a 10 anni di carcere dopo averlo assolto per non aver commesso il fatto in prima istanza.
Il solito p.m. Antonio Marini lo accusa di voler “ricostituire le B.R.”, ma in realtà Bruno viene perseguitato perchè ferroviere cosciente, presente in tutte le lotte del passato, nonchè dirigente dell’autonomismo sardo.
Forza Bruno!

Compagni ferrovieri

BRUNO BELLOMONTE LIBERO! LIBERI TUTTI!

Pubblicato il

Dopo due anni di galera colonialista e di deportazione del dirigente politico indipendentista Bruno Bellomonte, due anni di persecuzione ad altri sei compagni italiani, dopo la morte non accidentale di uno di loro, Luigi Fallico, in data 24/05 è stata rigettata la richiesta di scarcerazione al patriota, nonostante sia chiaramente emerso dal processo il carattere politico e persecutorio di questa farsa processuale.

Bruno rappresenta sempre più il simbolo dello scontro tra le istanze di liberazione nazionale e il mantenimento della dominazione italiana nel nostro Paese.

Per tanto A Manca pro s’Indipendentzia chiama tutte le forze indipendentiste e anticolonialiste e tutto il popolo sardo a partecipare alla manifestazione nazionale del sabato 11/06/2011 a Sassari a partire dalle 16.30.

“Sulla pelle di Bruno Bellomonte è stata scritta l’ennesima vergognosa pagina di storia dell’amministrazione giudiziaria italiana.

http://controappunto.altervista.org/bruno-bellomonte-libero-liberi-tutti/

 

 

CONFERENZA STAMPA PER BRUNO BELLOMONTE

Pubblicato il

Due anni fa ( erano in corso i preparativi per il G8) una azione della DIGOS faceva sì che delle persone fossero arrestate perché accusate di aver premeditato di attentare alla incolumità dei Capi di Stato che si sarebbero dovuti incontrare a La Maddalena.

Queste persone sono ancora in regime di detenzione: tutti tranne uno: Fallico, morto a causa di un infarto nel carcere di Viterbo.

Noi continuiamo a denunciare l’assurdità delle accuse che vengono mosse nei confronti di queste persone.

Troviamo scandaloso il fatto che delle persone giuridicamente innocenti (il primo grado di giudizio è ancora in corso) possano essere trattenute in carcere a distanza di due anni.

Non ravvediamo i necessari tre presupposti per una carcerazione preventiva.

Troviamo inumano che il periodo di carcerazione debba essere scontato in carceri difficilmente accessibili per le famiglie e gli avvocati della difesa.

Di questo vorremmo parlare con Voi (e Vostro tramite con la pubblica opinione), e a questo fine abbiamo deciso di indire una

 

CONFERENZA STAMPA

PER IL GIORNO 11 GIUGNO ALLE ORE 11.00 PRESSO I LOCALI DELL’USB IN VIA MADDALENA 20 A CAGLIARI.

http://controappunto.altervista.org/conferenza-stampa-per-bruno-bellomonte/

Trenitalia ha licenziato Bruno Bellomonte

Pubblicato il

Bellomonte era stato arrestato il 10 giugno scorso poco prima del G8 in Sardegna (poi spostato a L’Aquila) in una dubbia operazione dallo scopo preventivo senza prove né indizi reali e resta ancora in attesa di giudizio.

Bruno è un ferroviere capostazione a Sassati, un militante delle lotte in Sardegna tra i più stimati e conosciuti per antica militanza sociale e sindacale. E’ un personaggio pubblico che non ha mai avuto niente da nascondere attualmente anche candidato a sindaco a Sassari.

E proprio ora approfittando del suo stato di debolezza Trenitalia lo ha licenziato mandandogli una lettera nel carcere di Siano (CZ), nonostante non sia stato mai condannato ma solo in attesa di giudizio.Come in altri casi (vedi la FIAT SATA di Melfi e già Trenitalia) le imprese licenziano i delegati ed i lavoratori più scomodi sostituendosi a qualsiasi Tribunale e emettendo la propria personale condanna sommaria.

PER BRUNO BELLOMONTE REINTEGRO E LIBERTA’ SUBITO!

Per adesioni all’appello scrivere nome, cognome, carica di partito-sindacato o lavoro, città e inviare alla mail:  tiddia.ant@gmail.com

Se, invece la protesta, per l’ingiusto licenziamento, la volete indirizzare verso l’amministratore delegato di Trenitalia (Soprano) spedite un fax al numero:0644104658 – mail v.soprano@trenitalia.it

http://nomortilavoro.noblogs.org/post/2010/05/13/per-bruno-bellomonte

http://controappunto.altervista.org/trenitalia-ha-licenziato-bruno-bellomonte/


Questa voce è stata pubblicata in carcere repressione e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

I commenti sono chiusi.