USA: Ferguson solidarity protests continue – le canzoni del dolore e rabbia


No more Missouri compromises – John Garvey by libcom – Phillis Wheatley

Ferguson brucia, l’agente che sparò e uccise il 18enne nero non sarà incriminato :25 novembre 2014

Ferguson brucia, l’agente che sparò e uccise il 18enne nero non sarà incriminato :25 novembre 2014

 

Pubblicato in cultura, musica | Contrassegnato , | Lascia un commento

In heart of Europe, migrants offer a one-stop tour of worldwide misery

Illegal migrants prepare food near makeshift tents in the northeastern French port of Calais on Oct. 29, 2014. (Philippe Huguen/AFP/Getty Images)

In heart of Europe, migrants offer a one-stop tour of worldwide misery

By Griff Witte November 26 at 8:04 PM

In the French city of Calais, the migrant population has been booming as refugees from the world’s worst conflicts try to make their way to Britain. (Griff Witte and Casey Capachi/The Washington Post)

CALAIS, France — Ibrahim’s odyssey has taken him over the hot sands of the Sahara and across the vast Mediterranean in a death-defying, thousands-of-miles-long quest.

Now the 21-year-old from the Sudanese region of Darfur is so close to his destination that he can see it shimmering on the horizon — his dream, his salvation, his England.

It beckons to him, and it taunts him.

If Ibrahim were a day-tripping tourist, a jaunt from this French port city across the English Channel would take 35 minutes in an underwater train. But because he’s an asylum-seeking refugee, getting to Britain means braving coils of barbed wire, clouds of tear gas and an illicit journey wedged between a truck’s axle and the racing pavement.

“It’s very dangerous,” Ibrahim said softly as he prepared for his latest attempt to cross. “Maybe I’m going to die.”

Whatever the risk, it has not deterred Ibrahim or the more than 2,500 other refugees who have made Calais their temporary home. Drawn from the world’s worst crisis zones, they are contributing to a new crisis in the heart of Europe, on the watery border between two of the planet’s most affluent nations.

Only months ago, the refugee population in Calais numbered in the low hundreds. But worsening conflicts in the Middle East and Africa, plus a dysfunctional European system for managing the influx of refugees, have conspired to fill desolate woods on the fringes of town with a new-growth forest of makeshift camps.

There, increasingly desperate refugees shelter under tents made from sticks and black plastic tarps. Huddled together against autumn’s chill, they plot ever-more-perilous routes to Britain, where they are sure that a better life awaits.

The refugees in Calais could apply for asylum in France, but that has never been their aim. Some speak English proficiently, or have friends or relatives who already have settled in Britain. Others see potential for prosperity working in Britain’s black-market economy, or think they have a better shot there at winning asylum.

None have come as far as they have only to hit a dead end in Calais, an industrialized port city that has long thrived on the tourism and trade that come with being continental Europe’s easiest gateway to Britain.

The booming refugee population in Calais is symptomatic
of much broader troubles. The United Nations refugee agency, UNHCR, reported in June that the number of people forced to
flee their homes worldwide had topped 50 million for the first time since World War II. The refugee population in Calais includes emissaries from just about every major conflict zone — Afghanistan, Pakistan, Syria, Iraq, Libya, Eritrea, Ethiopia, Somalia, Sudan — and represents a one-stop tour of a planet’s worth of human misery.

“What we are seeing in Calais is an expression of a global refugee crisis of historic proportions,” said Franck Düvell, a scholar with the University of Oxford’s Center on Migration, Policy and Society. “The neighborhood around Europe is up in flames.”

Many refugees end up marooned in Calais for weeks, months or more, especially as Britain and France tighten security and make it harder than ever to illegally cross by stowing away on a truck, train or ferry for the 21-mile transit. Neither country wants the migrants, and each blames the other for their presence in Calais while seeking to make life as inhospitable as possible.

British politicians were aghast late last month when Calais’s mayor suggested creating a modest shelter to provide refugees with medical services, an occasional meal and a place for women and children to sleep. French residents of Calais, meanwhile, are demanding that the army be called in to clean out the camps and get control of what they say is an increasingly violent refugee population.

“It’s killing this city,” said Philippe Mignonet, Calais’s exasperated deputy mayor for security. “And it’s getting worse all the time.”

Mignonet said that Calais’s problems are beyond the control of city officials and that European leaders need to come together to find a solution. But Europe, which has rigorously managed regulations for everything from pollution control to potato harvests, has proved shockingly unprepared for the human exodus that has come its way.

Approximately 130,000 refugees have washed up on the continent’s shores this year via a treacherous Mediterranean crossing — more than double the number in all of last year, which was itself a record. Thousands have died en route.

Those who survive are, according to the law, supposed to apply for asylum in whichever country they land. But the nations that ring Europe’s southern periphery — principally Italy, Spain and Greece — have been overwhelmed by the rising tide and are ill-equipped to integrate the migrants into their already struggling economies.

With no assistance coming from the more affluent countries of Europe’s north, officials on the southern rim often look the other way as wobbly migrants come ashore after days at sea, find their footing on dry land and set off for the next phase of their journeys.

“There’s no coordinated European system for managing the dispersal of migrants,” Düvell said. “So the migrants take dispersal into their own hands.”

In Ibrahim’s case, that meant sneaking aboard northbound buses and trains in Italy and France as he edged ever closer to the country he has long dreamed of making his home: Britain.

Ibrahim — slim, boyish and quietly determined — was born into a well-to-do family of farmers in the Sudanese region of Darfur. But the family lost its livestock — and its land — during the fighting

British aid workers came to the family’s rescue, offering food and shelter, but a trajectory toward poverty had been set. When Ibrahim decided that he needed to leave Sudan last month to get a better job than the one he had driving a motorized rickshaw, there was only one place he considered.

“In Britain I can finish my education,” said Ibrahim — who, like many refugees in Calais, declined to give his last name for fear that it will cause problems in his new life. “Do I want to drive a rickshaw until I die? No, it can’t be. If you want to change yourself, you must have an education.”

Ibrahim hasn’t been dissuaded by the signs, nearly everywhere he looks in Calais, that Britain wants nothing to do with him.

The ever-higher fences. The police armed with sniffer dogs and heartbeat sensors. The canisters of tear gas fired to beat back migrants who try to storm the port.

Britain has responded to the ballooning population at Calais with promises of $19 million in aid — not to help the refugees, but to help the city beef up its security to ensure fewer migrants successfully cross.

Even city officials doubt it will make much difference. “We can put up fences all the way down to South Africa. But these people will still come to Calais,” said Mignonet, the deputy mayor. “They’ve traveled thousands of miles. Now they’re 20 miles away. England is their dream, and they have nothing to lose.”

Calais’s mayor, Natacha Bouchart, told a British parliamentary committee late last month that the real problem is Britain’s overly generous welfare system, which she said has turned the country into an “El Dorado” for migrants. French officials have urged Britain to cut back on benefits and to send a clear message to migrants that Britain is cold, wet and inhospitable. that plagued his youth.

British aid workers came to the family’s rescue, offering food and shelter, but a trajectory toward poverty had been set. When Ibrahim decided that he needed to leave Sudan last month to get a better job than the one he had driving a motorized rickshaw, there was only one place he considered.

“In Britain I can finish my education,” said Ibrahim — who, like many refugees in Calais, declined to give his last name for fear that it will cause problems in his new life. “Do I want to drive a rickshaw until I die? No, it can’t be. If you want to change yourself, you must have an education.”

Ibrahim hasn’t been dissuaded by the signs, nearly everywhere he looks in Calais, that Britain wants nothing to do with him.

The ever-higher fences. The police armed with sniffer dogs and heartbeat sensors. The canisters of tear gas fired to beat back migrants who try to storm the port.

Britain has responded to the ballooning population at Calais with promises of $19 million in aid — not to help the refugees, but to help the city beef up its security to ensure fewer migrants successfully cross.

Even city officials doubt it will make much difference. “We can put up fences all the way down to South Africa. But these people will still come to Calais,” said Mignonet, the deputy mayor. “They’ve traveled thousands of miles. Now they’re 20 miles away. England is their dream, and they have nothing to lose.”

Calais’s mayor, Natacha Bouchart, told a British parliamentary committee late last month that the real problem is Britain’s overly generous welfare system, which she said has turned the country into an “El Dorado” for migrants. French officials have urged Britain to cut back on benefits and to send a clear message to migrants that Britain is cold, wet and inhospitable.

British politicians, in turn, have chastised Bouchart for suggesting that the city may create a shelter to meet migrants’ basic needs.

As it is, there is almost nothing for the migrants in Calais. A Red Cross-run refugee center closed more than a decade ago under pressure from British politicians who felt it had become a magnet. Local charities, staffed primarily by volunteers, offer a meal or two a day served in an abandoned lot, and migrants line up hours in advance, even in the rain.

“They come here only because they have nothing else,” said 65-year-old volunteer Christian Salomé as he surveyed a line of 600 people that wound through the lot one recent afternoon. “In a poor country, this is normal. But in a country that is considered rich, like France?”

Some in line said they had been in Calais for months — with little hope that they would ever make it out.

“We have so many problems here,” said Alizabi, a 45-year-old Syrian who looked to be at least a decade older.

The former journalist said his house in the Syrian city of Daraa had been destroyed by a bomb, and he sold everything — his wedding ring included — to pay smugglers to take him across the Mediterranean. But as he shuffled toward the front of the meal line, he said he doubts he has the physical strength to stow himself away on a British-bound truck.

Despite the challenges, some do manage to make it across — even if they barely survive.

In September, a group of students from the British city of Birmingham found a 35-year-old Sudanese man slumped beneath their bus in the school parking lot. The man had apparently climbed aboard in Calais and clung to the front axle for 250 miles before collapsing. He was arrested on the spot.

Far from a cautionary tale, the man’s experience was, for Ibrahim, an inspiration to keep trying even as the doubts crowd in. He worries that he has arrived in Calais too late and that the security has grown too intense.

Scoping out a parking lot where trucks are known to idle one recent day, he assessed the odds before spotting a police cruiser.

“No chance,” he said sadly. “I’m not sure I’ll ever get to England.”

But Ibrahim is sure of one thing. If he does make it to that shining island just over the horizon, the people there will embrace him with the same generosity and warmth he felt from the aid workers of his youth.

“We love the British. And they love us,” Ibrahim said as he walked slowly back to the worn blanket, laid on the stone-hard ground, that would be his bed for another night. “They just don’t know it yet.”

 

Virgile Demoustier in Calais and Karla Adam in London contributed to this report.

http://www.washingtonpost.com/world/europe/in-heart-of-europe-migrants-offer-a-one-stop-tour-of-worldwide-misery/2014/11/26/cff5fc3e-5933-11e4-9d6c-756a229d8b18_story.html

 

Pubblicato in nave di lazzaro | Contrassegnato | Lascia un commento

In Dubious Battle- John Steinbeck – La battaglia

In Dubious Battle- John Steinbeck

Story about two Communists who set out to organise a strike of seasonal fruit pickers in California.

Attachment
In Dubious Battle – John Steinbeck.epub

https://libcom.org/library/dubious-battle-john-steinbeck

New Deal, lotta di classe e letteratura

La battaglia. Traduzione di Eugenio Montale.: STEINBECK …

Negli anni ’30 il sistema bancario era al collasso. I dissoccupati in tutta la nazione si contavano tra i 12 e i 15 milioni, il 60% delle famiglie americane aveva redditi inferiori ai 2000 dollari annui, mentre il 5% della popolazione si appropriava di un terzo di tutto il reddito nazionale. Questa situazione impose alla borghesia americana di mettere in campo un piano di rilancio dell’economia e di sostegno alle famiglie più povere: dal 1933 al 1938 Roosevelt lanciò il cosiddetto New Deal. La preoccupazione principale era non solo quella di evitare il tracollo generale dell’economia americana e salvare i profitti di banchieri e industriali, ma soprattutto evitare l’esplosione della rabbia incontrollata dei lavoratori e una rivoluzione sociale negli USA. In cinque anni vennero introdotte delle riforme anche grazie alle enormi riserve accumulate dall’economia americana e alle lotte dei lavoratori statunitensi. Tuttavia, al termine del New Deal, nel 1938, si verificò una nuova recessione che solo la Seconda Guerra Mondiale riuscì a risolvere definitivamente distruggendo le forze produttive e impegnando l’intero globo in un lungo e sanguinoso massacro mondiale.

La crisi sociale ed economica degli anni ’30 fu un fenomeno di vastissime proporzioni e scavò nel profondo della coscienza di tutte le classi sociali, scosse il pensiero dominante, trascinò masse intere nella mobilitazione, scatenò reazioni furibonde da parte di tutte le classi in gioco e, infine, agì anche nelle menti di moltissimi artsti. Gli intellettuali vennero posti di fronte a grandi scelte ideologiche e il riflesso di questo in letteratura fu un ritorno, negli Stati Uniti, ad un crudo realismo del quale, come abbiamo detto, Steinbeck fu uno dei migliori intepreti.

Il microcosmo sociale dello sciopero

La trama del romanzo La battaglia non è particolarmente complessa: i protagonisti, Mac e Jim, sono due attivisti di un partito “rosso” e tentano di entrare in contatto con un gruppo di braccianti per organizzare uno sciopero nella loro zona. Tutto il romanzo si articola attorno alla costruzione dello sciopero, affrontando le difficoltà degli scioperanti nello scontro anche fisico col padrone, le sue astuzie e il suo corpo di uomini armati in difesa della proprietà privata. Ma soprattutto è la storia di Jim, che lascia la sua vecchia vita e aderisce al partito per mettersi a disposizione della battaglia più importante.

Ben Shahn, Lavoratori francesi – 1942

Ne La battaglia non vi è alcuna deformazione nella raffigurazione sociale, nessuna idealizzazione degli operai. Gli uomini e le donne protagonisti dello sciopero sono attraversati da diverse tensioni e spinte: sono capaci di muoversi all’unisono marciando verso un comune obiettivo ma possono anche essere rigettati nello sconforto davanti alle difficoltà; possono verificarsi divisioni, calunnie e tradimenti a causa di arretramenti temporanei e sconfitte, ma può generarsi anche entusiasmo grazie al lavoro comune, alla comprensione degli obiettivi e alla partecipazione attiva di tutti al processo in corso. Il romanzo è un racconto vivo di una situazione viva.

La battaglia è un microcosmo sociale di personaggi e situazioni. Mac e Jim ricoprono il ruolo delle avanguardie politiche il cui obiettivo non è soltanto la riuscita dello sciopero ma anche la costruzione di altre avanguardie capaci di saper portare avanti una lotta attraverso i metodi tradizionali della classe lavoratrice: assemblee, discussioni, votazione sulle decisioni, elezione di comitati di sciopero, selezione di dirigenti capaci di saper organizzare altri uomini. Mac è un dirigente accorto, scaltro, spregiudicato: sa guardare gli uomini in faccia, sa guidarli e sa sfruttare ogni occasione per far avanzare la coscienza dei lavoratori. Jim è un allievo modello: sa apprendere da Mac, ma soprattutto dalla grande scuola della lotta di classe. Nello spazio ristretto di qualche mese impara dal vivo della battaglia, conosce gli uomini e apprende la loro psicologia, sa entare in connessione con gli umori della massa e infine sa guadagnarsi la fiducia e il rispetto di tutti. Jim e Mac sono due capi della classe operaia. E lo è anche London, il capo dei braccianti che finirà per abbracciare non solo la causa dello sciopero ma la stessa causa del comunismo. I padroni appaiono scaltri e astuti, tanto quanto Mac, tentano di dividere gli scioperanti, di corromperli ma anche di contrastarli fisicamente attraverso i loro uomini armati. Il medico del campo, infine, che aderisce alle ragioni dello sciopero e accetta di aiutare gli scioperanti seguendo il proprio istinto e i principi di un astratto umanesimo e non secondo principi ideologici, è un alter ego di Steinbeck e rappresenta, in generale, l’atteggiamento morale e intellettuale di molti degli scrittori e artisti nordamericani dell’epoca, che in quel periodo si sentivano attratti dalla causa operaia senza una solida formazione ideologica marxista.

Un romanzo sulla necessità della lotta di classe

Uno sciopero è come una rivoluzione, anche se su scala molto più ridotta. Un intero corpo di uomini e donne viene gettato nella lotta anche se il giorno prima non aveva neanche la minima idea di cosa fosse uno sciopero e di come si potesse organizzare. Lo sciopero mette in moto coscienze, intelligenze e capacità, ognuno vi trova un ruolo e nella lotta si formano avanguardie. Durante periodi di ripiegamento o di temporanee sconfitte possono verificarsi tensioni, divisioni, casi di opportunismo ma la capacità di un capo operaio è quella di provare a spiegarsi il perchè e di spiegarlo all’intero gruppo di lavoratori e di renderli partecipi di ogni singola azione nel percorso di lotta. Questo è quanto accade nel romanzo di Steinbeck. Quanta distanza dal cosiddetto “realismo socialista” di stampo staliniano dove la classe operaia procede sempre trionfante verso la vittoria! Il realismo di Steinbeck somiglia a quello di Zola e Balzac: del primo vi è la capacità di cogliere, con estrema attenzione, ogni espressione sociale, ogni singolo movimento psicologico, ogni sfumatura dell’essere sociale; del secondo la capacità di dipingere il grande dinamismo sociale e la capacità di vedere più nel concreto, nella vivacità del vissuto quotidiano, lontano da ogni idealizzazione.

E’ stato detto da più parti che La battaglia è un romanzo sulla sconfitta di uno sciopero. E’ vero che le battute finali del romanzo inquadrano una situazione di estrema difficoltà degli scioperanti (il taglio del rifornimento di viveri dalla città, i “vigili” che asseragliano i braccianti, i tentativi interni di tradimento e di dirottare lo sciopero verso la ritirata e la sconfitta) che terminano con la morte di Jim; tuttavia, il finale è assolutamente aperto e non lascia affatto intendere che gli operai vengano sconfitti e battuti. In secondo luogo, il romanzo non ha come tema la sconfitta, ma proprio le necessità intrinseche della lotta e come un gruppo di lavoratori può reagire di fronte alle pressioni del padrone e alla possibilità di combatterlo anche di fronte a moltissime difficoltà. In uno dei momenti di tensione più alta del romanzo, Mac dice: “Anche se la cosa sfuma ora, valeva pur la pena di essere tentata. C’era un gruppo di persone che prestavano fede a queste bubbole, il nobile operaio americano e la collaborazione del capitale e del lavoro. Ebbene, molti di questi sono istruiti, ora. Sanno che cosa pensa di loro il capitale, e che esso può schiacciarli come un nido di formiche. E, per Cristo, abbiamo insegnato due cose a questa gente: chi sono e come devono agire. E quest’ultimo scontro avrà pur mostrato loro che cosa possono fare”. Vi è infine una nota di ammirazione in Steinbeck verso chi, come spesso accadeva a tantissimi lavoratori e attivisti sindacali e politici, sacrificava la propria vita in nome della causa del comunismo o più semplicemente in difesa della propria dignità. Il titolo originale, In dubious battle, è una citazione dal Paradiso Perduto di John Milton, quando Belezebù si rivolge a Satana ricordandogli la loro “battaglia” contro Dio.

Il riferimento alla ribellione contro il potere costituito è evidente, sebbene abbia la tinta dell’ “incertezza” e del “dubbio”. Ma in un contesto come quello attuale, molto simile a quello della Grande Depressione degli anni ’30, le necessità della lotta per difendere salari, diritti, posti di lavoro e dignità fanno di questo romanzo un riferimento importante per chiunque si stia affacciando, volente o nolente, alla lotta di classe perchè parla direttamente a tutti coloro che almeno una volta nella loro vita hanno affrontato o stanno affrontando una dura battaglia, spesso difficile, sul proprio posto di lavoro. Verso la fine del romanzo Mac dà un consiglio a Jim, che dovrebbe prendere la parola in assemblea, su cosa dire ai lavoratori sconvolti da una probabile imminente sconfitta: “Ditegli che cos’è uno sciopero, e che è un piccolo episodio di una guerra ben più grande

http://www.marxismo.net/arte-letteratura-cinema/arte-cinema-letteratura/arte-letteratura-cinema/la-battaglia-di-john-steinbeck


Steinbeck contra la pesadilla americana ..

John Steinbeck Viaggio con Charley – Travels With Charley …

Perchè nitrati e fosfati non sono la terra: la lunghezza di fibra del cotone non è la terra. Carbonio sale acqua e calcio non fanno l’essere umano

Furore (The Grapes of Wrath) : John Steinbeck …

Una nuova traduzione di Furore (The Grapes of Wrath …

The Grapes of Wrath – Miss Pavlichenko Woody Guthrie …

Pubblicato in cultura | Contrassegnato | Lascia un commento

Due giorni, una notte – fratelli Dardenne «Deux jours, une nuit» ; Rosetta

Due giorni, una notte

“I singoli individui formano una classe solo in quanto debbono condurre una lotta comune contro un’altra classe; per il resto essi stessi si ritrovano l’uno di contro all’altro come nemici, nella concorrenza.” (Karl Marx, L’Ideologia Tedesca).
Se, da una parte, quest’osservazione non è peculiare del cosiddetto “proletariato”, dall’altra parte vanno considerate le profonde implicazioni che ha l’assunzione di una tale affermazione per la classe lavoratrice: non avendo un particolare interesse di classe, da far valere contro un’altra classe, la vita del proletariato si vede caratterizzata unicamente dall’ostilità fra i suoi membri. L’anno dopo aver scritto “L’ideologia tedesca“, Marx, in una serie di conferenze che poi verranno pubblicate con il titolo di “Lavoro salariato e capitale” , passava ad esaminare la concorrenza all’interno della classe operaia. In queste conferenze, Marx investigava la concorrenza fra la classe lavoratrice e l’impatto che tale concorrenza aveva sui salari. Quello che scopriva, era ben lontano dalla “fraternità operativa” della classe capitalista! Gli operai, spiega Marx, non si limitano semplicemente a competere gli uni contro gli altri vendendo la loro forza lavoro più a buon mercato, ma, a causa della divisione del lavoro e del costante miglioramento della produttività, un lavoratore rimpiazza 5, 10 o perfino 20 lavoratori, buttandoli fuori dal mercato dell’occupazione produttiva. E, man mano che il lavoro diviene più semplificato, il numero dei nuovi concorrenti che possono svolgere quelli che prima erano lavori specializzati, si incrementa ulteriormente. Più il lavoro è semplice, più si abbassano i costi di produzione, “e tanto più si abbassano i salari“. Secondo Marx, tanto più il lavoro diventa sempre più repellente e monotono, tanto più cresce la concorrenza fra lavoratori e crollano i salari. “Nella misura, dunque, in cui il lavoro diventa tedioso e privo di soddisfazioni, nella stessa misura aumenta la concorrenza e diminuisce il salario. L’operaio cerca di conservare la massa del suo salario lavorando di più, sia lavorando più ore, sia producendo di più nella stessa ora. “. Marx ne descrive il risultato:
Spinto dal bisogno, egli rende ancora più gravi gli effetti malefici della divisione del lavoro. Il risultato è il seguente: più egli lavora, meno salario riceve, e ciò per la semplice ragione che nella stessa misura in cui egli fa concorrenza ai suoi compagni di lavoro, egli si fa di questi compagni di lavoro altrettanti concorrenti, che si offrono alle stesse cattive condizioni alle quali egli si offre, perché, in ultima analisi, egli fa concorrenza a se stesso, a se stesso in quanto membro della classe operaia“.
L’osservazione più perspicace di Marx, comunque, non riguarda tanto la natura della concorrenza (il lavoratore che compete contro sé stesso), ma piuttosto il fatto che tale concorrenza cominci con il suo lavoro in fabbrica, e non con il suo tentativo di vendere la propria forza lavoro sul mercato. Marx non si concentra sulla disoccupazione e sulla concorrenza fra i lavoratori disoccupati che cercano di vendere la propria forza lavoro, ma evidenzia il ruolo svolto dal lavoro stesso all’interno della divisione del lavoro: è il lavoro, e non la disoccupazione che abbassa i salari ed aumenta la competizione fra i lavoratori.
I salari, i termini e le condizioni a cui il lavoro viene offerto sul mercato non sono, in alcun modo, determinati dall’offerta e dalla domanda di forza lavoro, ma vengono determinati dal lavoro, sempre più produttivo, dei lavoratori già occupati. E’ il lavoro che produce simultaneamente la caduta dei salari e l’aumento della concorrenza dentro la classe operaia.

http://francosenia.blogspot.it/2014/11/due-giorni-una-notte.html

Dardenne tornano a Cannes «Deux jours, une nuit» ; Rosetta

Pubblicato in cultura | Contrassegnato | Lascia un commento

Forse perchè della fatal quïete – Corynorhinus Hans Zimmer

Forse perchè della fatal quïete
Tu sei l’immago a me sì cara, vieni,
O Sera! E quando ti corteggian liete
Le nubi estive e i zeffiri sereni,

E quando dal nevoso aere inquiete
Tenebre, e lunghe, all’universo meni,
Sempre scendi invocata, e le secrete
Vie del mio cor soavemente tieni.

Vagar mi fai co’ miei pensier su l’orme
Che vanno al nulla eterno; e intanto fugge
Questo reo tempo, e van con lui le torme

Delle cure, onde meco egli si strugge;
E mentre io guardo la tua pace, dorme
Quello spirto guerrier ch’entro mi rugge.

Alla sera Ugo Foscolo

LA CHIOMA DI BERENICE : Catullo Foscolo – Langue Misero Quel Valore Aria (Berenice)

Interviste Impossibili: Ugo Foscolo – controappuntoblog.org

Foscolo, “Notizia intorno a Didimo Chierico”

Che stai? già il secol l’orma ultima lascia

Non son chi fui; perì di noi gran parte ; Mahler, Sinfonía Nº 9, Gustavo Dudamel, IV mov. (parte 1)

Dei Sepolcri, Ultime lettere di Jacopo Ortis : UGO FOSCOLO – T

A Zacinto – Ugo Foscolo , ALBINONI Adagio in G minor …

UGO FOSCOLO : SULL’ORIGINE E I LIMITI DELLA GIUSTIZIA

IN MORTE DEL FRATELLO GIOVANNI : UGO FOSCOLO

il velo delle Grazie Foscolo – Il Trovatore- “D’amor sull’ali rose

LETTERA A MONSIEUR GUILL PER LA SUA INCOMPETENZA A GIUDICARE I POETI ITALIANI

http://www.controappuntoblog.org/2013/03/04/lettera-a-monsieur-guill-per-la-sua-incompetenza-a-giudicare-i-poeti-italiani/

LE ILLUSIONI SECONDO UGO FOSCOLO E GIACOMO LEOPARDI , – IL TRAMONTO DELLA LUNA – Wilhelm Kempff plays Beethoven’s Moonlight Sonata mvt. 3

A egregie cose il forte animo accendono l’urne de’ forti, o …

Pubblicato in cultura, musica | Contrassegnato , | Lascia un commento

Farnace Vivaldi e Jordi Savall



Le Concert des Nations – Jordi Savall – Le Livre de la science de la musique

Heinrich Biber – Battalia a 10 in D major, C. 61 (Jordi Savall …

ensemble Hesperion XXI dirigé par Jordi Savall -Hespèrion …

Jordi Savall: música un bálsamo para sanar el alma y el cuerpo

Jordi Savall FOLÍAS DE ESPAÑA – El Cant de La Sibilla …

Pubblicato in musica | Contrassegnato | Lascia un commento