del «seminare in petra» by Guittone d’Arezzo – gioi video

De coralmente amar mai non dimagra
la voglia mia, né di servir s’arretra,
lei, ver’ cui de bellezza ogn’altr’è magra,
per che ciascun ver’ me sementa ‘n petra:
ch’Amor di gioia mi corona e sagra,
und’ho di ben più ch’altr’om, più che metra;
dunque ragion de servir lei m’adagra,
poi son d’Amore a maggior don ch’a metra.
Ché manto n’ho, pur chi vol n’aggia invilia,
e me’nde sia ciascun noioso encontra
ch’al mio voler non faccia fest’e vilia,
merzé di lei ch’ogni om su’ nemic’ ontra,
ver’ cui bastarda fu Sarna Subilia,
per che tutto ben meo d’essa m’acontra.

del «seminare in petra» Guittone d’Arezzo – Rime

non si conosce il suo destino ultraterreno , Dante non lo include in nessuno dei tre regni.aveva inventato faceboock per primo! metteva solo gli amici

IL SONETTO DI GUITTONE PREFERITO DA RENZI

Pubblicato in cultura | Contrassegnato | Lascia un commento

16 maggio 1944: rivolta del popolo del vento ad Auschwitz

16 maggio 1944: rivolta del popolo del vento ad Auschwitz ..

16 maggio 1944: la rivolta dei gitani ad Auschwitz

Pubblicato il 16 maggio 2012 da admin

Quel 16 maggio, all’ordine di uscire dalle baracche e dirigersi verso le camere a gas, segue sorda la risposta di chi non ha mai voluto imparare costumi e usanze del posto.
In 4.000 escono dai capannoni. Hanno dipinti sul volto i segni della fame e dei soprusi, ma negli occhi brilla ancora una scintilla di dignità che impedisce loro di andare a morire in silenzio. Uomini donne e bambini.
Chi armato di spranga, chi di bastone. Alcuni raccolgono da terra pietre e calcinacci, altri si gettano sugli aguzzini a mani nude.
Le SS sono costrette a desistere di fronte alla rivolta, sconcertate da una reazione che non pensavano potesse verificarsi e che non si verificherà più.

16 maggio 1944, le SS decidono di smantellare il Familienzigeunerlager, il “campo per famiglie zingare” ad Auschwitz. “Smantellare il campo” è una triste formula che porta con sé allegato il significato di “eliminare tutti gli internati”. E’ consuetudine, ad Auschwitz, che ad una decisione presa dai nazisti segua docile la sua messa in atto, senza ostacoli o impedimenti. Non ci si aspetta che qualcuno tra i reclusi nel lager possa alzarsi in piedi a dire di no: non è mai successo, e diversi anni di esperienza nei campi hanno insegnato questa usanza a prigionieri e secondini.

Ma quel 16 maggio, all’ordine di uscire dalle baracche e dirigersi verso le camere a gas, segue sorda la risposta di chi non ha mai voluto imparare costumi e usanze del posto. In 4.000 escono dai capannoni. Hanno dipinti sul volto i segni della fame e dei soprusi, ma negli occhi brilla ancora una scintilla di dignità che impedisce loro di andare a morire in silenzio. Uomini donne e bambini. Chi armato di spranga, chi di bastone. Alcuni raccolgono da terra pietre e calcinacci, altri si gettano sugli aguzzini a mani nude. Le SS sono costrette a desistere di fronte alla rivolta, sconcertate da una reazione che non pensavano potesse verificarsi e che non si verificherà più.

Lo Zigeunerlager viene liquidato il 2 agosto dello stesso anno, e tutti i detenuti all’interno uccisi. I nazisti hanno smesso di passare i rifornimenti al campo, e i Gitani presi per fame vengono ridotti all’obbedienza e alla fossa.

Si parla poco della morte di oltre 500.000 tra Rom, Sinti e Manush sotto il regime nazista e fascista, e della predilezione che il dottor Mengele aveva nei suoi esperimenti per i bambini zigani. Durante il Processo di Norimberga i superstiti non vengono neanche ammessi come parte civile, e pochi stati attualmente annoverano il Porrajmos (termine che il lingua romani significa “divoramento”) subito dai gitani come parte dei crimini nazisti.

16 maggio 1944: la rivolta dei gitani ad Auschwitz ..

Simboli dei campi di concentramento nazisti

il triangolo marrone e I rom nell’Europa neoliberale .

19 aprile 1943 inizia la Rivolta del ghetto di Varsavia

TRIANGOLO VIOLA : IL PIU’ DIMENTICATO

Pubblicato in antifascismo, memoria | Contrassegnato , | Lascia un commento

Turkey : Renault Strike – China: Massive Protest in Linshui for railway Repression and Resistance

Thousands of Renault Metal Workers Strike in Turkey

By Jennifer Baker on Europe, Turkey

Thousands of metal workers stop production at the Renault factory to demand better wages and a union that represents the needs of the workers. Workers from various factories have joined in the strike.

Around 5,000 workers at Oyak Renault’s factory in Bursa halted production activities during their midnight shift on May 14 and have refused to return to work since. Thousands of metal workers from other factories, including Tofaş, a joint venture of Turkey’s top industrial conglomerate Koç Holding, Coşkunöz and FIAT have gone on strike to support Renault workers on late Friday.

The Renault factory in Bursa normally produces nearly 400 cars each shift.

Bursa is the 4th biggest city of Turkey and the hearth of the automobile industry of Turkey. Metal workers’ struggle for better conditions goes back to 2012, when thousands of workers of the German Bosch factory resigned from their union Türk Metal (a member of Confederation of Turkish Trade Unions, TÜRK-İŞ) claiming that the union fails to fight for the workers’ rights in negotiations with the employers. This followed several protests and eventually led to organizing an “inner council” among workers from various factories in order to take autonomous action to claim their rights.

The Renault workers, who complained about their low wages, demanded that a factory executive show up and deliver a statement, as their grievances went ignored for a month. The workers shouted slogans against the management and Metal Workers Trade Union of Turkey (Türk Metal), from which they have resigned.

A labor agreement was signed for the 2014-2017 period between Türk Metal and the employer’s union, Turkey’s Metal Industrialists Union (MESS), eight months ago. Nonetheless, the Oyak Renault workers asked for improvement in their conditions, adding that conditions for the workers of Bosch’s brake system factory, where Türk Metal is also in charge were given a 60% pay increase. The labor agreement at the Bosch factory was renewed in December 2015.

The demands of workers are as follows:

– Our agreement should be re-negotiated and signed based off the Bosch agreement

– Workers alone must be able to choose their own union representative by democratic process

– We want assurance that in case we resign from the Turk Metal union that we won’t be fired from our factories

– Turk Metal should leave factories immediately

Today is the third full day and two nights that workers have remained outside of the Renault factory.

Today the workers families have gathered to march to the factory in support.

http://revolution-news.com/thousands-of-renault-metal-workers-strike-in-turkey/

China: Massive Protest in Linshui Intense Repression and Resistance

By Jennifer Baker on Asia Pacific, China

China – Tens of Thousands of residents of the southwestern county of Linshui gathered in the morning and marched about 3km. Photos posted by the protesters on social media also showed violent attacks by a police tactical team(SWAT)and the resistance that followed lasted all day and well into the night.

The residents want (need) to have a proposed railway linking Dazhou to Chongqing pass through their county in the centre of Sichuan. The county currently has no railway, waterway, or airport.

Rage built up last week after residents found out that the authorities favor another plan – that the railway stretching more than 200km will instead by-pass Linshui and be routed through the late paramount leader Deng Xiaoping’s hometown Guangan , to the west of Linshui.

Some Linshui residents claimed to have written to the mayor of Guangan on the city’s official website to ask whether he had any knowledge of the progress of the railway project. The mayor allegedly replied on May 7 that the railway would pass through his city, not Linshui.

The reply could no longer been found on the website, and Linshui residents said it was taken down by the local authority in fear of controversy.

But the mayor’s alleged reply was widely circulated on social networks, prompting Linshui residents to publish online several open letters addressed to the state authorities.

“There are two railways passing through Guangan. We are the only county in the region that has nothing,” one of the letters read.

“The Guangan authorities are taking advantage of their prerogative [as the hometown of Deng]to monopolize resources.”

People signed their names to a massive banner.

A large number of police guard the scene. In late afternoon, Guang’an City special police force use violence to suppress the people of Linshui. Social media is reporting that at least 2 people have been killed and hundreds injured. One of the dead is a 12yr old boy.

The public responds with stones, bricks, sticks. People angered by the repression smashed and burned a lot of police cars. The conflict continued all day and into the night.

http://revolution-news.com/china-massive-protest-in-linshui-intense-repression-and-resistance/

Pubblicato in speciale crisi | Contrassegnato | Lascia un commento

On est vivants par Carmen Castillo, acteurs inconnus: Documentaire

 

On est vivants

Date de sortie    29 avril 2015 (1h43min)

Réalisé par       Carmen Castillo

Avec acteurs inconnus

Genre       Documentaire

Nationalité       Français , belge

De quoi est fait l’engagement politique aujourd’hui ?
Est-il encore possible d’infléchir le cours fatal du monde ?
C’est avec ces questions, dans un dialogue à la fois intime et politique avec son ami Daniel Bensaïd, philosophe et militant récemment disparu, que Carmen Castillo entreprend un voyage qui la mène vers ceux qui ont décidé de ne plus accepter le monde qu’on leur propose. Des sans domiciles de Paris aux sans terres brésiliens, des zapatistes mexicains aux quartiers nord de Marseille, des geurriers de l’eau boliviens aux syndicalistes de Saint Nazaire, les visages rencontrés dans ce chemin dessinent ensemble un portrait de l’engagement aujourd’hui, fait d’espoirs partagés, de rêves intimes, mais aussi de découragements et de défaites. Comme Daniel, ils disent: “L’histoire n’est pas écrite d’avance, c’est nous qui la faisons“.

http://www.allocine.fr/film/fichefilm_gen_cfilm=235405.html

Il faut lutter, au moins pour s’épargner la honte de ne pas avoir essayé”

Carmen Castillo consacre un film à Daniel Bensaïd, l’indéboulonnable philosophe de la Ligue Communiste Révolutionnaire, mort il y a 5 ans.

Le philosophe et militant trotskiste Daniel Bensaïd est mort il y a cinq ans et c’est un film qui vient réveiller sa voix. Sorti en salles mercredi 29 avril, «On est vivants», réalisé par la cinéaste d’origine chilienne Carmen Castillo, est un portrait de l’engagement politique au XXIème siècle, de plusieurs luttes actuelles, des sans-terre brésiliens aux militants des quartiers nord de Marseille, en passant par les guerriers de l’eau boliviens, les syndicalistes de Saint-Nazaire et les zapatistes mexicains. Chaque séquence est accompagnée par des conversations avec Bensaïd ou des textes de lui, lus en voix off.

Membre indéboulonnable de la direction de la Ligue communiste révolutionnaire, Daniel Bensaïd (1946-2010) n’était pas seulement un penseur marxiste. C’était aussi un grand lecteur de Benjamin, à qui il emprunta le concept de «messianisme» pour le marier au marxisme, ou encore l’idée de mélancolie, dont il fera l’un de ses grands livres, «le Pari mélancolique». C’était aussi un passionné de Jeanne d’Arc, sur laquelle il écrivit «Jeanne, de guerre lasse».

Dans le film de Carmen Castillo, on apprend par exemple que ses parents tenaient un café dans la périphérie de Toulouse, où la cellule locale du parti communiste tenait ses réunions. Chez lui, la politique est une affaire de sensibilité autant que de raison: «Il faut lutter, au moins pour s’épargner la honte de ne pas avoir essayé, écrivit-il. Le doute porte sur la possibilité de parvenir à changer le cours du monde, mais non sur la nécessité de le tenter…»

Carmen Castillo, collaboratrice d’Allende avant le coup d’Etat de 1973 et figure emblématique de la lutte contre le régime Pinochet, était une amie proche de Bensaïd depuis plusieurs décennies. C’est de la lutte, encore et toujours, que parlent les extraits de Bensaïd qu’elle a choisis pour son film. A les entendre, on a tous envie de les noter. En voici trois:

Depuis les années 80, le capital semble devenir l’horizon indépassable de tous les temps. L’histoire menace de disparaître dans la désolation de l’éternité marchande.
Extrait d’«Une lente impatience»
Pourtant, en tant que mode de régulation dominant, le capitalisme n’existe que depuis 3 ou 4 siècles. Pourquoi ce mode de production serait-il plus éternel que d’autres ? Il n’est pas concevable qu’il représente le terminus où tout le monde descend pour s’installer dans une sorte d’éternité marchande. Le capital n’est pas le dernier mot de l’aventure humaine.
Extrait d’«Eloge de la résistance à l’air du temps»
Gamin, la lecture de «la Guerre du feu», dans la collection illustrée «Rouge et or», me passionnait. Je suivais le cœur battant les efforts de Noah et de ses frêles compagnons pour protéger l’étincelle et conserver la flamme. Sauver ce qui aurait pu, et pourrait encore, se perdre, c’est un peu notre guerre du feu. Sur ce chemin, le plus grave n’est pas la défaite reconnue, puisqu’il est de glorieuses défaites plus belles, plus commémorées que n’importe quel triomphe. Le plus grave, ce sont les défaites de l’intérieur, par abandon, par déception et désenchantement, par reniement et trahison, les défaites sans combat qui sont d’abord et surtout des débâcles morales.
Extrait d’«Une lente impatience»

Eric Aeschimann

http://bibliobs.nouvelobs.com/de-l-ecrit-a-l-ecran/20150504.OBS8398/il-faut-lutter-pour-s-epargner-la-honte-de-ne-pas-avoir-essaye.html

Une radicalité joyeusement mélancolique ..

Pubblicato in cultura, memoria | Contrassegnato , | Lascia un commento

Erri De Luca : la Palestina e tre cavalli – Trois chevaux

Si sta in una guerra anche per vergogna di rimanerne fuori:. Erri De Luca Tre cavalli

Erri De Luca: Le parole impronunciabili

Tratto da “il manifesto”, 16 maggio 2006

Non cuocerai l’agnello nel latte di sua madre, è scritto nel libro sacro. Non trasformerai la madre della vittima in complice del macellaio di suo figlio. Accusare Israele di affamare la Palestina usando la scritta nazista del campo di sterminio di Auschwitz è cuocere l’agnello nel latte della madre. Non si può prendere la sigla del peggior crimine dell’umanità e rivoltarlo contro i discendenti delle vittime. Ma è stato fatto, per leggerezza o per insulto. Fame è una parola gigantesca, la riduzione al gradino più basso della dignità umana. La chiusura intermittente dei varchi di Eretz Israel non è fame. Dopo l’attentato di Tel Aviv sono rimasti serrati per ventiquattr’ore. Le migliaia di operai palestinesi che non lavorano più in Israele non è fame. Un muro che separa, fa male ma non è fame. Le serre degli insediamenti ebraici smantellati a Gaza sono state distrutte dalla proprietà palestinese reintegrata nei suoi territori. Non è mossa di fame. La legittima elezione di Hamas al governo della Palestina ha delle conseguenze internazionali come il taglio dei fondi di paesi esteri ma non è assedio, non è Sarajevo. La fame annunciata dalla vignetta su ‟Liberazione” di qualche giorno fa niente ha a che vedere con ‟Arbeit macht frei” all’ingresso di Auschwitz. Da lì passarono i condannati allo sterminio. Il copyright su quella scritta appartiene ai nazisti. Nessuno può staccarlo dal luogo capitale dell’infamia e appiccicarlo per polemica sull’uscio di qualcuno, tanto meno l’uscio di Israele. È triste quando l’intelligenza e la compassione di persone vicine si inceppano e procurano un torto anziché un sollievo. Quel luogo è un nervo scoperto della storia da migliaia di anni. Tre monoteismi, tre fedi esclusive hanno i loro santuari gomito a gomito. È un punto della geografia da trattare con la cautela dell’artificiere che manovra per disinnescare la carica, non per accenderla.

http://www.feltrinellieditore.it/news/2006/05/16/erri-de-luca-le-parole-impronunciabili-6674/

Erri De Luca: Trois chevaux – Blog izaiahalphonsog – Interia

04 feb 2011

ERRI DE LUCA “TRE CAVALLI”

In questi giorni ho letto un meraviglioso libro di Erri De Luca,”Tre Cavalli”…La storia di un giardiniere,con un passato di rivoluzione e di amore perduto,che parla alle piante e chiede loro dove vogliono essere piantate.Una giovane donna, che ne ama i racconti,il non detto e la faccia di cartapesta. E un nero di pelle,coperto di colori di fiori, con un debito di un bicchiere di vino e un nocciolo di oliva in bocca… Un libro delicato,soave, con dentro molti colori del mondo.Con dentro il ricordo,il dolore, la magia del raccontare,il desiderio di tornare alla vita e all’amore.E’ un libro profumato.Carico di odori.Si sente l’odore dell’erba appena falciata,quello delle mimose,la freschezza della salvia dell’isola di Pag. E’ anche colmo di sapori,di quelli genuini.Si assaggia del vino rosso,del pane,del formaggio,delle pere. Ci si siede a leggere libri usati insieme al giardiniere che non ha nome.Si mangia,si beve,si annusa,si ascolta, si parla. Si condivide.E fatti del passato vengono narrati sempre al presente.La voce di Erri De Luca è bassa,sincera,a tratti diventa intima,arricchisce chi legge tra le righe,chi riesce a rubare ogni minimo segno e luce lasciata sul volto dei personaggi.Si porta via,con il suo linguaggio, tutto l’affaticamento,la noia che può scaturire dal quotidiano.Perché possiede il dono della parola. E sa regalarcelo sempre!!

Trama:
La vita di un uomo dura Tre Cavalli e il protagonista di questo romanzo ha appena superato anche il secondo,con i suoi innesti e le sue potature. Ha cinquant’anni, vive nel Sud dell’Italia, fa il giardiniere, parla con gli alberi, legge libri usati, si reca a bere di tanto in tanto un bicchiere di vino all’osteria. Una vita fatta di silenzi, pienezze e di ricordi “ricordo giorni e mosse che vanno come il tracciato di una creapa, puntano sul casaccio per inventare un modo di durare”. Poi un giorno arriva Laila. Trent’anni. E’ alta, ha mani capaci, zigomi alti, tempie dolci. Lui le racconta una storia. Ai giovani piacciono le storie. Le regala un vaso con la salvia. Gli ricapita amore, desiderio, attesa. Un altro segno dell’attesa. E contemporaneamente le chiacchierate con Salim. L’emigrato africano, che vive in una casa senza porte e senza finestre. Poi vengono pensieri e frasi da una lontananza, che non sa far niente per fermarle. I suoi trent’anni, l’Argentina, Dvora, la guerra clandestina. Il sangue e il tempo di quando gli ammazzano la sposa. I giorni dopo Dvora sono giorni lenti, giorni senza attesa. Giorni tutti a Sud. Prima di fuggire da quella terra insanguinata, si porta dietro le sue scapette da ginnastica con i lacci ben legati, perchè le toglieva così Dvora, sempre allacciate. Leila è una piena di abbracci. Ride. I piedi si sfregano sotto il tavolo, si combinano sotto le lenzuola “e io so da capo che amo questa donna e che questo amore ha diritto di essere l’ultimo per me”. Ma niente è per sempre. La vita dà e toglie. Senza Laila la vita si indurisce nuovamente, per assorbire il colpo ed accettarlo. Passano giorni senza Laila. Non c’è via di fuga, non c’è altro Sud adesso. Solo erba da falciare a mano, solo fiato dentro al petto, bosogno di salvarla/si “prima di lei io so il male di ammazzare e glielo posso risparmiare”. Sono bagnate di sangue le ultime pagine di questo romanzo. Un sangue che appartine e tante vite, a tante storie. Quella del protagonista, di Dvora, di Laila, di Salim. Tutto è circolare. Tutto si fa sintesi, nella metafora del distacco e della ”perdita”.
“Vedo la linea rossa del tramonto che separa giorno da notte, penso che il mondo è opera del re del verbo dividere e aspetto la linea che viene a staccarmi dai giorni”.

http://eleboa.blogspot.it/2011/02/erri-de-luca-tre-cavalli.html

Zappo sotto gli allori. Proteggono passeri sotto le foglie spesse, sempreverdi. A sera litigano per il posto più caldo, vicino al tronco. Litigano per vivere. Poi fanno un bisbiglio di assestamento, penso che pregano.
E se il tatto è stimolato dal rapporto fisico con la terra stessa e poi con la scorza e il tronco degli alberi, che il giardiniere accarezza, l’olfatto e il gusto si alleano a far apprezzare cibi semplici, frutto del lavoro della terra : il pomodoro, la patata, l’aglio, il prezzemolo, il pane, il vino, l’olio e soprattutto le olive.

È solo in primavera che poto gli allori, quando non fanno da capanna ai passeri.
Mi piace bruciare il rimasuglio delle loro frasche. Danno un fumo che stordisce e fa tornare in mente gli scomparsi. In quel fumo mi siedo a mezzogiorno con le olive nere.

Sotto la crosta del lastricato la terra è spenta, sfibrata dal buio. È di fine inverno che se l’abbraccia intera e la fermenta arsa di calce.
Le occorre ossigeno e luce. Il salino assorbito va corretto con terriccio acidoso.
[…] Dal fuori del corpo vedo un uomo di cinquant’anni che bussa al portone della terra per buttarlo giù, per spaccare breccia nel suo grembo serrato. […]
Alla fine sto sulla terra scoperchiata.
È grigia, la rovescio a scasso, la rimpasto con sterco di cavallo e zolla di castagno.
La stendo pettinata sotto il sole enta.

Così mi trovo a stare la giornata in un giardino a badare ad alberi e fiori e a stare zitto in molti modi e dentro qualche pensiero di passaggio, una canzone, la pausa di una nuvola che toglie sole e peso dalla schiena.

A stare zitti mentre il corpo lavora, vengono pensieri di nuoto e di volo. Da un aprile di molti anni fa torno a vedere il cielo di Gerico imbiancato di cicogne, migranti dall’Africa verso i tetti d’Europa.

Nel giardino i passanti erano la specie, mentre i reclusi gli esemplari, unici anche quando erano in gruppo. Le bestie erano il riassunto di una varietà. Noi la ripetizione di un tema. Nel giardino ero un caso comune di uomo e gli animali mi guardavano come io guardo una folla : senza vedere nessuno.

Un uomo alto, un africano, anziano, mi accenna dal cancello.[…] Ha denti buoni per sorridere.Qui fa il manovale, a casa alleva bestiame. […] In bocca succhia quqlcosa. Non è una caramella, è un nocciolo d’oliva. Ama  le olive scure,la forza dell’olio di chiudersi in un legno duro da rodere, gli piace il gusto dell’osso e lo rigira in bocca fino a che è liscio e senza più sapore.
Le olive mi tengono compagnia, dice.
Una manciata gli dura un giorno.
Il caffè sale, scroscia profumato nella gola della macchinetta. Prima di berlo dice una preghiera di …ringraziamento. Tu no, chiede, io no.
Prego, dice, davanti a ogni cosa che porto alla bocca. Prego per legare il giorno al suo sostegno, come faccio con la cannuzza vicino al pomodoro…
Forse per uno d’Africa è più semplice legare terra e cielo con lo spago.

Un albero ascolta comete, pianeti, ammassi e sciami. Sente le tempeste sul sole e le cicale addosso con la stessa premura di vegliare. Un albero è alleanza tra il vicino e il perfetto lontano.
Se viene da un vivaio e deve attecchire in suolo sconosciuto, è confuso come un ragazzo di campagna al primo giorno di fabbrica. Così lo porto a spasso prima di scavargli il posto.

Un albero somiglia a un popolo, più che a una persona. S’impianta con sforzo, attecchisce in segreto. Se resiste, iniziano le generazioni delle foglie.
Allora la terra intorno fa accoglienza e lo spinge verso l’alto.
La terra ha desiderio di altezza, di cielo. Spinge i continenti all’urto per innalzare creste.
Si struscia attorno alle radici per espandersi in aria con il legno

Le facce sono scritte.
Anche le mani, dico, e le nuvole, il manto delle tigri, la buccia dei fagioli e il salto dei tonni a pelo d’acqua è scrittura.
Impariamo alfabeti e non sappiamo leggere gli alberi. Le querce sono romanzi, i pini sono grammatiche, le viti sono salmi, i rampicanti proverbi, gli abeti sono arringhe difensive, i cipressi accuse, il rosmarino è una canzone, l’alloro è una profezia.

Al giardino Selim viene per le mimose e per parlare un po’ del suo paese dove si va scalzi e per questo si parla volentieri.
Quando tu metti le scarpe non parli, questo pensa di noi. Senza la nuda pianta del piede sopra il suolo, noi siamo isolati, dice la sua lingua che deve avere dentro una lisca d’argento per essere così sonante.
È la verità, dico, è puro amen : tutta la nostra storia è una scarpa che ci stacca dal suolo del mondo. Scarpa è la casa, la macchina, il libro. Pezzo di santo d’Africa, penso, vieni a dare la tua sapienza a un selvaggio d’Europa che segue la luna sul calendario e le nuvole sul bollettino della radio e non sa leggere nessuna parola senza un alfabeto.

Del resto Selim è uno che prega e, come abbiamo visto, conosce il segreto che consente di tenere uniti terra e cielo :
« Ti intendi con la cenere e col cielo, quante ne sai, Selim ? »
Soffio solo un po’ di grazie in alto, dice.
Faccio salire fiato, che si combina con le nuvole e diventa pioggia. Un uomo prega e così ammucchia la sostanza in cielo. Le nuvole sono piene di fiato di preghiere.
[…] E lui ride con me e dice che è buono ridere e che la fede viene dopo di ridere, più che dopo di piangere.

Di fronte al giardino del mio lavoro c’è una macchina ferma con un uomo dentro. Non devo chiedere se è quello.
Siamo a un angolo in cui possiamo vederlo senza essere visti. […]
Risalgo la via e prima di entrare nel giardino passo lentamente a fianco della macchina ferma dal lato dell’autista e ci guardiamo e io sento sale in bocca.
Uno di noi due è già morto e adesso a me non importa sapere chi.
Attraverso la strada e entro nel giardino.

So che porta via con sé il coltello per continuare a tagliare pane, a fare mazzi di fiori, a spaccare un frutto.
Chi ama le cose e sa il valore di usarle, non le abbandona a un ultimo servizio maledetto.

brani da tre cavalli di Erri De Luca

Erri De Luca : “Solo andata” | controappuntoblog.org

piazza pulita del 20/4/2015 : Preghiera laica – Erri De Luca …

Erri De Luca : «Le parole non sono mai neutre. E uno

NOTIZIE SU EURIDICE | controappuntoblog.org

Erri De Luca. indagato per istigazione a delinquere : Ascolta .

non ora ,non qui” Erri De Luca ; Considero valore

NOTIZIE SU EURIDICE | controappuntoblog.org

Pubblicato in cultura | Contrassegnato | Lascia un commento

Avec “Les Mille et une nuits”, Miguel Gomes interroge la nouvelle réalité portugaise

Avec “Les Mille et une nuits”, Miguel Gomes interroge la nouvelle réalité portugaise

Oeuvre monumentale et atypique composée de trois films, entre fiction et documentaire, sur un Portugal frappé par la crise, “Les Mille et une nuits”, de Miguel Gomes, est présenté à la Quinzaine des réalisateurs. On a vu le premier volet.

Il est le seul cinéaste à présenter cette année trois films à Cannes – un record qui doit couvrir toute l’histoire du festival et offre à la Quinzaine des Réalisateurs le triple temps fort de son programme. On dira que ces films n’en font qu’un seul, mais Miguel Gomes a bien tourné trois longs métrages et chacun est destiné à une sortie en salles en bonne et due forme, cet été. Comme les récits sans fin de Shéhérazade, dont il s’inspire, Les Mille et une nuits est un projet fleuve, totalement atypique : un effort digne d’une superproduction fastueuse, porté par un réalisateur indépendant qui veut tout à la fois nous entraîner dans des histoires merveilleuses et nous parler de son pays frappé par la crise et puni par l’austérité européenne, le Portugal.

Cette double ambition au bord de la contradiction (rêver ou raconter la mort des rêves), Miguel Gomes s’y confronte en exprimant tous ses doutes au début de L’Inquiet, premier volume des Mille et une nuits. Il se filme même prenant la fuite, reculant devant l’obstacle, renonçant à choisir entre son envie d’être témoin d’une réalité dure ou passeur d’un imaginaire séduisant. Cette sincérité donne le ton : faire un film monumental ne veut pas forcément dire faire du cinéma armé de certitudes, en bâtisseur ! Les Mille et une nuit accueille la fragilité du geste de filmer comme la fragilité du Portugal, où les certitudes se sont, comme les emplois, évaporées. Tout en nous entraînant dans son odyssée, Miguel Gomes se donne le droit de nous dérouter.

Car il ne choisit pas, en tout cas dans ce volume 1, entre fiction et documentaire : il fait tout à la fois. Il recueille les témoignages de gens brutalement touchés par le chômage et même la misère, et il imagine parallèlement qu’un charme est jeté sur les comptables de l’Union européenne. Eux qui ne sont plus dans la vie, ils redécouvrent le désir, se remettent à bander. Le ton fantaisiste est parfois proche d’une fable absurde, et un peu absconse. Moins séduisant que pouvait l’être Tabou (2012), L’Inquiet qui ouvre ces Mille et une nuits fait résonner le trouble : il est impossible d’être cinéaste au Portugal aujourd’hui comme on l’était avant le grand désastre économique, nous dit Miguel Gomes. La création doit s’ancrer dans une réalité nouvelle. C’est ce mouvement que raconte son film, avec un désir fort : redonner, à travers le cinéma, une mythologie, une grandeur au pays. Les chômeurs qui témoignent s’appellent les Magnifiques. Chacun apporte son histoire et prend ainsi part à un récit plus vaste. Les petits ruisseaux font les grandes rivières : tout en nous parlant de doute, de difficulté à croire aux jolis contes à l’heure des mauvais comptes, ce premier volume construit déjà un univers assez foisonnant, et ouvre sur une prometteuse montée en puissance. Le volume 2, Le Désolé, sera présenté demain lundi

http://www.telerama.fr/festival-de-cannes/2015/avec-les-mille-et-une-nuits-miguel-gomes-interroge-la-nouvelle-realite-portugaise,126708.php#xtor=RSS-18

Bande-annonce des “Mille et une nuits”, de… di telerama

Pubblicato in cultura | Contrassegnato | Lascia un commento