Franz Liszt : Années de pèlerinage – Andante lagrimoso Harmonies poetiques No 9 ed ecc

Anni di pellegrinaggio

Da Wikipedia, l’enciclopedia libera.

Compositore Franz Liszt

Tipo di composizione  suite

Numero d’opera S.160, S.161, S.162, S.163

Epoca di composizione 1848-82

Organico • pianoforte

Anni di pellegrinaggio (Années de pèlerinage) è una serie di tre suites per piano solo composte da Franz Liszt. La maggior parte del materiale deriva da un lavoro precedente, Album d’un voyageur (1842), primo grande ciclo pianistico pubblicato dal compositore, che risale agli anni tra il 1835 e il 1838.[1]

Anni di pellegrinaggio è ampiamente considerato un capolavoro, uno dei vertici nello stile musicale di Liszt. Il terzo volume è un notevole esempio del suo tardo stile: composto molto dopo I primi due volumi, contiene meno virtuosismi da concerto e più sperimentazione armonica.

Il titolo Années de pèlerinage è una citazione del romanzo di formazione di Goethe, Gli anni di pellegrinaggio di Wilhelm Meister. Con questa scelta, Liszt situa idealmente il proprio lavoro nella letteratura romantica del suo tempo, premettendo a una parte dei pezzi con un passaggio letterario tratto da scrittori come Friedrich Schiller e George Gordon Byron.

Le Suites

Première année: Suisse

  • (Primo anno: Svizzera), S.160, pubblicata nel 1855.

Composta tra il 1848 and 1854, la maggior parte dei pezzi (1, 2, 3, 4, 6, 8 e 9) sono rivisitazioni di Album d’un voyageur: Part 1: Impressions et Poesies. Le revisioni sono minime nel caso dei brani n. 2 (Au lac de Wallenstadt) e n. 4 (Au bord d’une source), mentre il n. 1 (La Chapelle de Guillaume Tell, il n. 6 (Vallée d’Obermann) e specialmente il n. 9 (Les cloches de Genève) furono ampiamente riscritti.[1]

Il n. 7 (Églogue“) venne pubblicato separatamente, e il n. 5 (Orage) venne incluso solo nella versione definitiva.[2]

Chapelle de Guillaume Tell

(Cappella di Guglielmo Tell). Liszt sceglie un motto di Schiller per questo brano dedicato alla lotta svizzera per l’indipendenza: Tutti per uno – uno per tutti. Il brano è aperto da un Lento, seguito dal motivo dei combattenti per la libertà. Un corno chiama le truppe alla sollevazione, echeggia per le valli e si mescola con il suono dell’eroica lotta.[3]

Au lac de Wallenstadt

(Al lago di Walenstadt) – Marie d’Agoult, l’amante di Liszt che al tempo lo accompagnava nei viaggi, ricorda nelle sue Mémoires il tempo passato presso il lago di Walenstadt:

« Franz scrisse per me un’armonia malinconica, a imitazione del singhiozzo delle onde e del ritmo dei remi, che non ho mai potuto riascoltare senza piangere.[3] »

L’ispirazione è da Childe Harold’s Pilgrimage di Byron (Canto 3 LXVIII – CV):

« Thy contrasted lake
With the wild world I dwell in is a thing
Which warns me, with its stillness, to forsake
Earth’s troubled waters for a purer spring. »
Pastorale
La prima battuta di Au Bord d’une Source
Au bord d’une source

(Presso una sorgente) – L’ispirazione è Schiller:

« Nella frescura che mormora
La giovane natura
Inizia i suoi giochi »
(Friedrich Schiller, “Il fuggiasco”)
Orage

(Tempesta) – dal Childe Harold’s (Canto 3 LXVIII – CV) di Byron:

« But where of ye, O tempests! is the goal?
Are ye like those within the human breast?
Or do ye find, at length, like eagles, some high nest? »
Vallée d’Obermann

(Valle di Obermann) – Ispirazione è il romanzo omonimo di Étienne Pivert de Senancour ambientato in Svizzera, il cui protagonista è sopraffatto e confuso dalla natura, e soffre di desideri e nostalgie,[1] per giungere alla conclusione che solo i sentimenti hanno valore di verità.[3] La citazione comprende anche Byron, dal Childe Harold’s:

« Could I embody and unbosom now
That which is most within me, could I wreak
My thoughts upon expression, and thus throw
Soul heart mind passions feelings strong or weak
All that I would have sought, and all I seek,
Bear, know, feel and yet breathe into one word,
And that one word were Lightning, I would speak;
But as it is, I live and die unheard,
With a most voiceless thought, sheathing it as a sword »
Eglogue

(Egloga)- dal Canto 3 LXVIII del Childe Harold:

« The morn is up again, the dewy morn,
With breath all incense, and with cheek all bloom,
Laughing the clouds away with playful scorn,
And living as if earth contained no tomb! »
Le mal du pays

(Nostalgia del paese natale)

Les cloches de Genève
Nocturne

(Le campane di Ginevra: Notturno) – dal Childe Harold’s’]:

« I live not in myself, but I become
Portion of that around me »

Deuxième année: Italie

Sposalizio, Introduzione
  • (Secondo anno: Italia), S.161, pubblicata nel 1858

La suite fu composta tra il 1837 e il 1849. I pezzi da 4 a 6 sono una riscrittura di Tre sonetti del Petrarca, composti tra il 1839 e il 1846 e pubblicati in quest’ultimo anno.

  1. Sposalizio ispirato al dipinto di Raffaello Sposalizio della Vergine
  2. Il penseroso ispirato alla statua Il pensieroso scolpita da Michelangelo, che oggi si trova nella Basilica di San Lorenzo (Firenze).
  3. Canzonetta del Salvator Rosa in realtà la canzonetta Vado ben spesso cangiando loco è di Giovanni Bononcini[4])
  4. Sonetto 47 del Petrarca
  5. Sonetto 104 del Petrarca
Prime battute del Sonetto 104 del Petrarca
  1. Sonetto 123 del Petrarca
  2. Après une lecture de Dante: Fantasia Quasi Sonata (da una lettura di Dante)
Venezia e Napoli
  • Pubblicato nel 1861 come supplemento a Deuxième année, composto nel 1859 come parziale revisione del precedente, che porta lo stesso nome e risale al 1840 circa
  1. Gondoliera – basato sulla canzone La biondina in gondoletta di Giovanni Battista Peruchini.
  2. Canzone – basato sulla canzone Nessun maggior dolore dall’Otello di Gioachino Rossini.
  3. Tarantella – su un tema di Guillaume-Louis Cottrau, (1797-1847).

Troisième année

  • (Terzo anno), S.163, pubblicato nel 1883.

I n. 1, 4 e 7 furono composti nel 1877; il n. 5 nel 1872; il n. 6 nel 1867.

  1. Angélus! Prière aux anges gardiens (Angelus! Preghiera agli angeli custodi), dedicato a Daniela von Bülow, nipote di Liszt, primogenita di Hans von Bülow e Cosima Wagner. Il manoscritto riporta come strumento “piano-melodium”[5]
  2. Aux cyprès de la Villa d’Este I: Thrénodie (Ai cipressi di Villa d’Este I: Trenodia) – Villa d’Este, a Tivoli, è famosa per le fontane.
  3. Aux cyprès de la Villa d’Este II: Thrénodie
  4. Les jeux d’eaux à la Villa d’Este (Giochi d’acqua a Villa d’Este) – Liszt scrisse a mano sulla partitura autografa:
« Sed aqua quam ego dabo ei, fiet in eo fons aquae salientis in vitam aeternam »

(“L’acqua che io gli darò diventerà in lui una sorgente d’acqua che zampilla per la vita eterna” dal Vangelo di Giovanni)

  1. Lacrimæ rerum/En mode hongrois (Alla maniera ungherese) – dedicato a Hans von Bülow.
  2. Marche funèbre, En mémoire de Maximilian I, Empereur du Mexique (Marcia funebre, in memoria di Maximiliano I del Messico)
  3. Sursum corda

https://it.wikipedia.org/wiki/Anni_di_pellegrinaggio





La spinta dell’amore : Agostino d’Ippona | controappuntoblog.org

Franz Liszt : Liebestraum – Vallée d’Obermann …quando si dice …

Franz Liszt – Liebestraum played by Arthur Rubinstein …

quando si dice Franz Liszt …..documentari, sceneggiato TV .

Franz Liszt -Sunt Lacrymae Rerum – Sursum corda : 3ème Année de Pélerinnage (1877)

LISZT~Dante Symphony S.109 HD Complete | controappuntoblog.org

F. Liszt – Sonetto 104 del Petrarca, S. 161, No. 5, Harmonies …

Secretum di Francesco Petrarca – I’ vidi in terra angelici costumi

Horowitz – Kapell – Busoni – Kurt Masur : Mefisto-Waltz Liszt .

Liszt -Hunnenschlacht – Von der Wiege bis zum Grabe

“Le Rossignol” The Nightingale : Alexander Alyabyev …

Tantum ergo Gabriel Fauré , Liszt: Ossa arida …

Sonetto astrale Edoardo Sanguineti – Liszt – 12 …

La blusa del bellimbusto Vladimir Vladimirovič Majakovskij …

Franz Liszt – Mazeppa, symphonic poems No. 6 …

Jorge Bolet plays Liszt Réminiscences de Norma …

Liszt Transcendental Etude No 10 in F Minor | controappuntoblog.org

Liszt – Dante Symphony – 1. Inferno | controappuntoblog.org

Guido, i’ vorrei che tu e Lapo ed io – controappuntoblog.org

Rosa Tamarkina plays Schubert/Liszt | controappuntoblog.org

Franz Liszt – S.172, Consolations, penseés poétiques No.3, 4, 5 & 6 …

Franz Liszt – Prometheus, symphonic poem No. 5 – Liszt …

Franz Liszt: Hungarian Rhapsody No. 2 | controappuntoblog.org

“Le Rossignol” The Nightingale : Alexander Alyabyev …

Tantum ergo Gabriel Fauré , Liszt: Ossa arida …

Jorge Bolet plays Liszt Réminiscences de Norma …

Franz Liszt – S.172, Consolations, penseés poétiques No.3, 4, 5 & 6 …

Valentina Lisitsa : Exploding Beethoven: Tempest Sonata – Liszt …

Lacrimae rerum : vari autori – LA SOLITUDINE DELL’UOMO MERCE .

Franz Liszt – Mazeppa, symphonic poems No. 6 – controappunto blog

Franz Liszt – Prometheus, symphonic poem No. 5 – Liszt …

“Le Rossignol” The Nightingale : Alexander Alyabyev …

Tantum ergo Gabriel Fauré , Liszt: Ossa arida …

Sonetto astrale Edoardo Sanguineti – Liszt – 12 …

La blusa del bellimbusto Vladimir Vladimirovič Majakovskij …

Franz Liszt – Mazeppa, symphonic poems No. 6 …

Jorge Bolet plays Liszt Réminiscences de Norma …

La blusa del bellimbusto Vladimir Vladimirovič Majakovskij – Liszt

Liszt Transcendental Etude No 10 in F Minor | controappuntoblog.org

Liszt – Dante Symphony – 1. Inferno | controappuntoblog.org

Guido, i’ vorrei che tu e Lapo ed io – controappuntoblog.org

Rosa Tamarkina plays Schubert/Liszt | controappuntoblog.org

Franz Liszt – S.172, Consolations, penseés poétiques No.3, 4, 5 & 6 …

Franz Liszt – Prometheus, symphonic poem No. 5 – Liszt …

Franz Liszt – S.172, Consolations, penseés poétiques No.3 …

Rosa Tamarkina plays Schubert/Liszt

http://www.controappuntoblog.org/2012/12/30/rosa-tamarkina-plays-schubertliszt/

Franz Liszt: Hungarian Rhapsody No. 2

http://www.controappuntoblog.org/2011/12/12/franz-liszt-hungarian-rhapsody-no-2/

Liszt -Hunnenschlacht – Von der Wiege bis zum Grabe …

Re degli altri, superbo, altero fiume; “Chasse-Neige” Liszt …

“Le Rossignol” The Nightingale : Alexander Alyabyev – Alabiev / Liszt …

Franz Liszt – Prometheus, symphonic poem No. 5 – Liszt …

Jorge Bolet plays Liszt Réminiscences de Norma

http://www.controappuntoblog.org/2013/10/29/jorge-bolet-plays-liszt-reminiscences-de-norma/

Questa voce è stata pubblicata in musica e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

I commenti sono chiusi.