Women’s liberation and African freedom struggle – Discorso di Thomas Sankara sulle donne

Women’s liberation and
African freedom struggle
(Books of the Month column)

Below is an excerpt from Women’s Liberation and the African Freedom Struggle by Thomas Sankara, one of Pathfinder’s Books of the Month for January. Sankara was the central leader of the popular democratic revolution in the West African country of Burkina Faso (formerly Upper Volta) from 1983 to 1987. This excerpt is from a talk he gave to several thousand women commemorating International Women’s Day on March 8, 1987, in Ouagadougou, the country’s capital. Copyright © 1990 by Pathfinder Press. Reprinted by permission.

BY THOMAS SANKARA
The question of women’s equality must be in the minds of all decision-makers, at all times, and in all the different phases of conceiving and executing plans for development. Conceiving a development project without the participation of women is like using only four fingers when you have ten. It’s an invitation to failure.

In the ministries responsible for education, we should take special care to assure that women’s access to education is a reality, for this reality constitutes a qualitative step toward emancipation. It is an obvious fact that wherever women have had access to education, their march to equality has been accelerated. Emerging from the darkness of ignorance allows women to take up and use the tools of knowledge in order to place themselves at the disposal of society. All ridiculous and backward concepts that hold that only education for males is important and profitable, and that educating women is an extravagance, must disappear in Burkina Faso.

Parents should accord the same attention to the progress of their daughters at school as they do to their sons, their pride and joy. Girls have proven they are the equals of boys at school, if not simply better. But above all they have the right to education in order to learn and know—to be free. In future literacy campaigns, the rate of participation by women must be raised to correspond with their numerical weight in the population. It would be too great an injustice to maintain such an important part of the population—half of it—in ignorance.

In the ministries responsible for labor and justice, texts should constantly be adapted to the transformation our society has been going through since August 4, 1983, so that equality between men and women is a tangible reality. The new labor code, now being drawn up and debated, should express how profoundly our people aspire to social justice. It should mark an important stage in the work of destroying the neocolonial state apparatus—a class apparatus fashioned and shaped by reactionary regimes to perpetuate the system that oppressed the popular masses, especially women.

How can we continue to accept that a woman doing the same job as a man should earn less? Can we accept the levirate* and dowries, which reduce our sisters and mothers to common commodities to be bartered for? There are so many things that medieval laws continue to impose on our people, on women. It is only just that, finally, justice be done….

As we go forward, our society should break from all those feudal conceptions that lead to ostracizing the unmarried woman, without realizing that this is merely another form of appropriation, which decrees each woman to be the property of a man. This is why young mothers are looked down upon as if they were the only ones responsible for their situation, whereas there is always a guilty man involved. This is how childless women are oppressed due to antiquated beliefs, when there is a scientific explanation for their infertility, which science can overcome.

In addition, society has imposed on women norms of beauty that violate the integrity of their bodies, such as female circumcision, scarring, the filing of teeth, and the piercing of lips and noses. Practicing these norms of beauty is of dubious value. In the case of female circumcision, it can even endanger a woman’s ability to have children and her love life. Other types of bodily mutilation, though less dangerous, such as the piercing of ears and tattoos, are no less an expression of women’s conditioning, imposed by society if a woman wants to find a husband. Comrade militants, you look after yourselves in order to win a husband. You pierce your ears and do violence to your body in order to be acceptable to men. You hurt yourselves so that men can hurt you even more! …

Comrades, no revolution—starting with our own—will triumph as long as women are not free. Our struggle, our revolution will be incomplete as long as we understand liberation to mean essentially that of men. After the liberation of the proletariat, there remains the liberation of women.

Comrades, every woman is the mother of a man. I would not presume, as a man and as a son, to give advice to a woman or to indicate which road she should take. This would be like giving advice to one’s own mother. But we know, too, that out of indulgence and affection, a mother listens to her son, despite his whims, his dreams, and his vanity. And this is what consoles me and makes it possible for me to address you here. This is why, comrades, we need you in order to achieve the genuine liberation of us all. I know you will always find the strength and the time to help us save our society.

Comrades, there is no true social revolution without the liberation of women. May my eyes never see and my feet never take me to a society where half the people are held in silence. I hear the roar of women’s silence. I sense the rumble of their storm and feel the fury of their revolt. I await and hope for the fertile eruption of the revolution through which they will transmit the strength and the rigorous justice issued from their oppressed wombs.

Comrades, forward to conquer the future.
The future is revolutionary.
The future belongs to those who struggle.
Homeland or death, we will win!


* The levirate is a marriage in which the widow weds a brother of the deceased, with varying degrees of compulsion.

http://www.themilitant.com/2011/7502/750249.html

Discorso di Thomas Sankara sulle donne

Società  Tagged , , , , , 2 Agosto 2008

 

8 marzo 1987, in occasione della giornata internazionale della donna a Ouagadougou (estratti)

da  Thomas Sankara WebSite

(…)Se per la società quando nasce un maschietto è un “dono di Dio”, la nascita di una bambina è accolta, se non proprio come una fatalità, come un regalo che servirà a produrre alimenti e a riprodurre il genere umano.

Si insegnerà all’ometto a volere ed ottenere, a dire e a essere servito, a desiderare e a prendere, a decidere senza appello. Alla futura donna, la società coralmente infligge e inculca regole senza via d’uscita. Corsetti psichici chiamati virtù creano nella bambina uno spirito di alienazione personale, sviluppano in questa creatura la necessità di protezione e la predisposizione alle alleanze tutelari e ai contratti matrimoniali. Che mostruosa frode mentale!

Così, bambina senza infanzia, già all’età di tre anni la piccola dovrà rispondere della sua ragion d’essere: servire, rendersi utile. Mentre il fratello di quattro, cinque o sei anni giocherà fino alla spossatezza o alla noia, lei entrerà senza troppi riguardi nel processo di produzione. Avrà già un lavoro: assistente casalinga. Un’occupazione senza remunerazione, naturalmente, perché non si dice in genere di una donna che sta a casa che “non fa nulla”? Non si scrive nei documenti di identità delle donne non remunerate il sostantivo “casalinga” per indicare che non hanno un’occupazione? Che “non lavorano”?

Le nostre sorelle crescono fra riti e obblighi di sottomissione, sempre più dipendenti, sempre più dominate, sempre più sfruttate e con sempre meno tempo libero e svago.

Mentre il giovane uomo troverà sulla propria strada occasioni di crescita e di responsabilizzazione, la camicia di forza sociale chiuderà sempre di più la ragazza, a ogni tappa della sua vita. Per essere nata femmina essa pagherà un tributo pesante, per tutta la vita, finché il peso della fatica e gli effetti dell’oblio di sé – fisico e mentale – non la condurranno al giorno del riposo eterno. Fattore di produzione a fianco di sua madre – a partire da allora, più la sua padrona che sua madre – essa non rimarrà mai seduta senza fare nulla, non sarà mai lasciata con i suoi giochi e giocattoli, come suo fratello.

Ovunque si guardi, all’altipiano centrale o a nord-est dove predominano le società dal potere fortemente centralizzato, all’ovest dove vivono comunità di villaggio dal potere decentrato, o al sud-ovest, territorio delle collettività dette frammentarie, l’organizzazione sociale tradizionale ha almeno un punto in comune: la subordinazione della donna. In questo campo, i nostri 8.000 villaggi, le nostre 600.000 concessioni e il nostro milione e oltre di famiglie, hanno comportamenti identici o simili. Qui e là, l’imperativo della coesione sociale definita dagli uomini è la sottomissione delle donne accanto alla subordinazione dei fratelli minori.

La nostra società, ancora troppo primitiva e agraria, patriarcale e poligamica, fa della donna un oggetto di sfruttamento rispetto alla sua forza lavoro, e di consumo rispetto alla sua funzione di riproduzione biologica.

Come vive la donna questa curiosa doppia identità: quella di essere il nodo vitale che salda tutti i membri della famiglia, che garantisce con la sua presenza e la sua attenzione l’unità fondamentale, e quella di essere marginalizzata, ignorata? Una condizione ibrida, con un ostracismo imposto pari solo allo stoicismo della donna. Per vivere in armonia con la società degli uomini, per conformarsi al diktat degli uomini, la donna si chiuderà in una atarassia avvilente, negativa, tramite il dono di se stessa.

Donna fonte di vita ma donna oggetto. Madre ma servile domestica. Donna nutrice ma donna alibi. Lavoratrice nei campi e in casa, e tuttavia figura senza voto e senza voce. Donna cerniera, donna convergenza, ma donna in catene, donna ombra all’ombra del maschio.

Pilastro del benessere familiare, la donna partorisce, lava, scopa, cucina, riferisce messaggi, è matrona, coltivatrice, guaritrice, ortolana, macinatrice, venditrice, operaia. È una forza lavoro che cumula centinaia di migliaia di ore con rese scoraggianti.

(…)

Scolarizzate due volte meno degli uomini, analfabete al 99 per cento, poco formate sul piano dei mestieri, discriminate nel lavoro, limitate a funzioni subalterne, assillate e licenziate per prime, le donne, sotto il peso di cento tradizioni e di mille scuse, hanno continuato a raccogliere le sfide che si presentavano. Dovevano rimanere attive, a qualunque costo, per i bambini, per la famiglia e per la società. Attraverso mille notti senza aurore.

Il capitalismo aveva bisogno di cotone, di karité, di sesamo per le sue industrie, e la donna, le nostre madri, hanno aggiunto al lavoro che già facevano quello della raccolta. Nelle città, là dove si supponeva fosse concentrata la civiltà emancipatrice della donna, questa si è trovata obbligata a decorare i salotti borghesi, a vendere il proprio corpo per vivere o a servire da esca commerciale nella pubblicità.

Sul piano materiale, le donne della piccola borghesia urbana vivono senza dubbio meglio delle nostre contadine. Ma sono più libere, più emancipate, più rispettate, più responsabilizzate?

(….)Il 2 ottobre 1983, il Consiglio nazionale della rivoluzione ha enunciato con chiarezza nel suo Discorso di orientamento politico la linea centrale della lotta di liberazione della donna. Si è impegnato a lavorare alla mobilitazione, all’organizzazione e all’unione di tutte le forze vive del Paese, e in particolare delle donne.

(…)Il 2 ottobre 1983, il Consiglio nazionale della rivoluzione ha enunciato con chiarezza nel suo Discorso di orientamento politico la linea centrale della lotta di liberazione della donna. Si è impegnato a lavorare alla mobilitazione, all’organizzazione e all’unione di tutte le forze vive del Paese, e in particolare delle donne.

(…)Una coscienza nuova è nata fra le donne del Burkina e dobbiamo esserne tutti fieri. Compagne militanti, l’Unione delle donne del Burkina è la vostra organizzazione. Tocca a voi metterla a punto ulteriormente perché diventi più efficace e atta alla vittoria. Le varie iniziative intraprese dal governo negli anni scorsi per l’emancipazione della donna sono certo insufficienti, ma il cammino fatto è stato tale da porre il Burkina all’avanguardia nella lotta per la liberazione femminile. Le nostre donne partecipano sempre più ai meccanismi decisionali, all’esercizio effettivo del potere popolare.

Le donne del Burkina sono ovunque si costruisce il paese, sono nei cantieri: nel Sourou (la vallata irrigata), nel rimboschimento, nelle operazioni vaccinazione-commando, nelle operazioni “Città pulite”, nella battaglia della ferrovia ecc. Progressivamente, le donne del Burkina prendono terreno e si impongono, sgominando così tutte le concezioni fallocratiche e arretrate degli uomini. E continueranno finché la donna non sarà presente in tutto il tessuto sociale e professionale del paese. La nostra rivoluzione, per tre anni e mezzo, ha operato per l’eliminazione progressiva delle pratiche che sminuivano la donna, come la prostituzione, il vagabondaggio, la delinquenza delle ragazzine, il matrimonio forzato, l’infibulazione e le condizioni di vita particolarmente difficili della donna.

Contribuendo a risolvere ovunque il problema dell’acqua, contribuendo anche all’installazione di mulini nei villaggi, diffondendo i focolai migliorati, creando asili popolari, diffondendo le vaccinazioni, promuovendo l’alimentazione sana e varia. La rivoluzione contribuisce senza dubbio a migliorare le condizioni di vita della donna burkinabé.

Allo stesso modo, la donna deve impegnarsi di più nella messa in pratica delle parole d’ordine antimperialiste, a produrre e consumare burkinabé, affermandosi sempre come agente economico di primo piano, produttore e consumatore di beni locali.

Senza dubbio, la rivoluzione di agosto ha fatto molto per l’emancipazione della donna, ma è lungi dall’averla compiuta. Molto resta da fare.

(…)In ogni uomo dorme un essere feudale, un fallocrate che occorre distruggere. Quindi, dovete aderire con sollecitudine alle parole d’ordine rivoluzionarie più avanzate per accelerarne la concretizzazione e avanzare ancora più velocemente verso l’emancipazione. Ecco perché il Consiglio nazionale della rivoluzione sottolinea con gioia la vostra intensa partecipazione a tutti i grandi cantieri nazionali e vi incita ad andare ancora oltre per un sostegno sempre maggiore alla rivoluzione di agosto che è prima di tutto la vostra.

Partecipando in modo intenso ai grandi cantieri vi mostrate tanto più meritevoli in quanto si è sempre cercato di relegarvi in attività secondarie, con la vecchia ripartizione dei compiti a livello sociale. Invece la vostra apparente debolezza fisica non è nient’altro che la conseguenza delle regole di vanità e di gusto che questa stessa società vi impone perché siete donne. Strada facendo, la nostra società deve abbandonare concezioni feudali che fanno sì che la donna non sposata venga al bando, senza che si capisca che questa è la traduzione del rapporto di appropriazione per il quale ogni donna deve appartenere a un uomo. Ecco perché si disprezzano le ragazze madri come se fossero le sole responsabili della loro situazione, senza ritenere l’uomo colpevole. Ecco perché le donne che non hanno figli sono perseguitate da ammuffite credenze mentre il fatto ha una spiegazione scientifica e può anche essere vinto dalla medicina.

D’altronde, la società ha imposto alle donne dei canoni estetici che ne pregiudicano l’integrità fisica: l’infibulazione, le scarificazioni[1], la limatura dei denti, la perforazione delle labbra e del naso. L’applicazione di queste regole riveste un interesse molto dubbio e, nel caso della mutilazione sessuale, compromette perfino la capacità della donna di procreare e la sua vita affettiva. Altri tipi di mutilazioni, pur meno pericolosi, come i fori alle orecchie e i tatuaggi, sono comunque un’espressione del condizionamento imposto dalla società alla donna affinché possa pretendere di trovare un marito.

Compagne militanti, vi curate tanto per meritare un uomo. Vi forate le orecchie, vi manipolate il corpo per essere accettate dagli uomini. Vi fate del male perché l’uomo vi faccia ancora più male!

Donne, compagne di lotte, è a voi che parlo. Voi che siete sfortunate in città come in campagna; voi in campagna curve sotto il peso dei diversi fardelli dello sfruttamento ignobile, “giustificato e spiegato”; voi in città, che siete considerate fortunate ma che in fondo siete tutti i giorni nell’angoscia perché non appena alzata, la donna si porta davanti al guardaroba chiedendosi cosa indossare, non per vestirsi, non per coprirsi ma soprattutto per piacere agli uomini, perché è tenuta, è obbligata a piacere agli uomini ogni giorno; voi donne al momento del pasto che vivete la triste condizione di chi non ha diritto al pasto, di chi è obbligata a risparmiarlo, a imporsi continenza e astinenza per mantenere la linea che gli uomini desiderano. Voi che la sera, prima di coricarvi, ricoperte e mascherate sotto quei numerosi prodotti che tanto detestate – lo sappiamo – ma che hanno lo scopo di nascondervi una ruga indiscreta, disgraziata, sempre ritenuta troppo precoce, un’età che comincia a mostrarsi, un doppio mento arrivato troppo presto; eccovi ogni sera obbligate a imporvi una o due ore di rituale per mantenere la bellezza, mal ricompensate d’altra parte da un marito disattento. Per poi ricominciare all’indomani all’alba.

(…)Compagne militanti, compagni militanti, cambiando l’ordine classico delle cose, l’esperienza dimostra sempre più che solo il popolo organizzato è capace di esercitare il potere democraticamente.

La giustizia e l’eguaglianza che ne sono i principi di base permettono alla donna di mostrare che le società sbagliano a non accordarle fiducia sul piano politico come su quello economico. Così, la donna che esercita il potere a cui è giunta attraverso il popolo, è in grado di riabilitare tutte le donne condannate dalla storia.

La nostra rivoluzione inizia con un cambiamento qualitativo e profondo della nostra società. Esso deve necessariamente tener conto delle aspirazioni della donna burkinabé. La liberazione della donna è una necessità del futuro, ed il futuro, compagne, è ovunque portatore di rivoluzioni. Se perdiamo la lotta per la liberazione della donna, avremo perso il diritto di sperare in una trasformazione positiva superiore della nostra società. La nostra rivoluzione non avrà dunque più senso. Ed è a questa nobile lotta che siamo tutti invitati, uomini e donne.


[1] Si tratta di incisioni superficiali nella pelle come pratica rituale.

http://mujeres_libres.blog.tiscali.it/2008/08/02/discorso_di_thomas_sankara_sulle_donne_1917445-shtml/?doing_wp_cron

Thomas Sankara | controappuntoblog.org

Sankara – “… e quel giorno uccisero la felicita’ ” | controappuntoblog .

Questa voce è stata pubblicata in 8 MARZO, documenti politici, memoria e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

I commenti sono chiusi.