Eyes wide shut – Stanley Kubrick : non è un cine panettone

Eyes wide shut – Stanley Kubrick

Ho guardato e riguardato questo lungo e lentissimo film perchè, ogni volta, quelle enigmatiche atmosfere kubrickiane mi inchiodano allo schermo e mi spingono ad arrovellarmi il cervello, per trovare una plausibile spiegazione a tutto ciò che accade.
C’è una domanda, in particolare, che mi tormenta. La maschera che il dottore trova sul cuscino, da dove arriva?
L’ultimo controverso capolavoro di Kubrick, uscito nel 1999 dopo la morte del grande regista, a quel che si dice,  segue per filo e per segno la trama del romanzo di Arthur Schnitzler ‘Doppio sogno’.
La storia è dunque nota- Il Dr. William Harford, interpretato da Tom Cruise, in seguito alle confessioni delle fantasie sessuali della moglie Alice (Nicole Kidman), si inoltra in una farraginosa e inquietante avventura a stretto contatto con le perversioni del mondo intorno a sè e con le proprie.
Venuto a conoscenza di un ‘sogno traditore’ da parte della moglie, rimane ossessionato dalle visioni della moglie potenzialmente fedifraga e decide di vendicare la sua fanatasia, tuffandosi in un’esperienza segreta, che lo porterà a compromettere la propria integrità. Quasi coinvolto in un omicidio e minacciato di morte, il dottore cercherà comunque di indagare nella faccenda e dentro se stesso, dove si annidano pensieri e deisideri repressi, fino a quando confesserà alla moglie l’accaduto.
Al di là della storia, che come quasi tutte quelle di Kubrick, sono tratte da romanzi e scritti, ancora una volta la grandezza del regista sta nell’espressione. Ci sono due elementi che di Kubrick amo particolarmente; l’impressione di essere in un sogno, con tutte le sue distorsioni psico-temporali e i colori o le luci, che si insinuano nel racconto come protagonisti.
In Eyes Wide Shut, per esempio, quando il dottore si intrufola alla festa mascherata segreta, sembra di entrare  nell’assurda dimensione onirica di un uomo ossessionato dal sesso. Le scene orgiastiche e perverse, insieme all’ipnotica musica di Jocelyn Pool che si espande sulla liturgia e le undici donne in cerchio, quasi tutte uguali nella corporatura, sembrano il sogno erotico di un qualsiasi uomo. Ma l’impossibilità a raggiungerle, la disfatta del dottore, miseramente scoperto come un intruso, esaltano l’incompiutezza del sogno. I particolari dettagliati e disinibiti, le riprese con l’estrema zoomata ci catapultano in una realtà che sembra si possa toccare con mano, anche rimanendo spettatori. Non solo in questa scena, ma anche nella nitida attenzione sui particolari delle case, delle strade, dei salotti, delle stanza, dei tappeti, delle immense librerie, ci rendono protagonisti silenziosi e ‘guardoni’ del sogno, trasformato in una satura e grottesca realtà che attanaglia in una suspence, volutamente singhiozzante, l’avventura del dottor Harford.
Il secondo elemento, che già avevo ritrovato in Arancia Meccanica e Shining, è quello del colore come leitmotiv. In Eyes Wide Shut, pare che la discromia ottenuta dalla presenza ingombrante delle luci fucsia degli alberi di Natale, abbia una funzione di collante. Ovunque si muova il dottore nelle 48 ore in cui si svolge il film, si ritrova, come un’allitterazione cromatica, la dozzinale presenza delle luci di Natale e tutte queste luci sembrano uguali, come se fosse un unico occhio a vederle e un’unica mente a ricordarle. Sono stucchevoli, oniriche anch’esse, sature, soffocanti. Ma sono l’inequivocabile tocco, della capacità di Kubrick, di rendere i propri film psichedelici e al contempo psicogeni. Il film di Kubrick, oltre che raccontare una storia, racconta uno stato di angoscia esistenziale, rivela la parte cerebrale che il canonico film d’intrattenimento ignora e ci lascia dimenticare.
Kubrick, come un neurochirurgo, sviscera le sinapsi della nostra mente e opera con mano ferma sulla realtà, trasformandola in visione surreale. Magnifico film, sempre magnifico Kubrick.

http://www.giusepperausa.it/eyes_wide_shut.html

Eyes Wide Shut Meaning: Plague Doctor Masks & Stanley Kubrick’s Movie

Stanley Kubrick’s controversial last film Eyes Wide Shut (1999) is the kind of movie that gets people interested in discussing “hidden meanings,” especially when it comes to the film’s ritualistic party/masquerade scene. As it turns out, understanding the meaning behind all of those masks might unlock the secret to understanding the entire movie. What is the meaning of Stanley Kubrick’s movie Eyes Wide Shut?

Hidden Meaning of Eyes Wide Shut

Eyes Wide Shut Meaning: Plague Doctor Masks & Stanley Kubrick's MovieTwo major themes unveil the hidden meaning behind Stanley Kubrick’s movie Eyes Wide Shut: (1) sex and (2) class distinction. If you’ve seen Eyes Wide Shut, you probably recall that the movie includes not only a lot of female nudity, but also quite a bit of explicit dialogue between the film’s stars, a society couple played by Tom Cruise and Nicole Kidman, two celebrities then married in real life. Unbeknownst to his jealous and bored wife, one night the rich New York doctor (played by Tom Cruise) finds himself caught up in a dark conspiracy involving everything from a low-class HIV positive prostitute to an elite underground secret society sex party where everyone hides their identity with an ornate costume ball mask. The men at the party wear long black cloaks, but the women wear little besides the mask.

Eyes Wide Shut Mask Party Meaning & History

Masks play an important role in the meaning of Stanley Kubrick’s film Eyes Wide Shut. During the film’s pivotal masquerade sequence, the masks worn are not just novel party favors, but are actually needed to hide the identity and more importantly protect the reputation of the high class male members of New York society attending these voyeuristic underground parties. The high class men are happy to be invited to these salacious parties, but they also don’t want their association with and proximity to this kind of risky behavior to tarnish or hurt their high social standing. Thus the partygoers don the cloak and mask costume.

Eyes Wide Shut Plague Doctor Masks Analysis

James Ensor’s Mask Paintings & Eyes Wide Shut

James Ensor Masks Paintings & Eyes Wide Shut MovieSymbolist James Ensor is a Belgian artist perhaps most famous for his “mask” paintings, like the self portrait seen here. Given the striking similarity between this Eyes Wide Shut still and James Ensor’s Self-Portrait with Masks (1899), it is possible that Kubrick intentionally drew from Ensor’s art while making the film.

Oddly enough, the costumes worn by the upperclass men at the secret society party in Stanley Kubrick’s film Eyes Wide Shut bear an uncanny resemblance to the traditional plague doctor costume historically worn by doctors treating victims of the bubonic plague as early as the fourteenth century. (Death playing chess and the danse macabre were also popular symbols during the Black Death.) Relying on pre-Enlightenment superstitious medicinal practices, because of their elite status as healers in the community the plague doctors wore the characteristic “beak” bird mask and long black cloak to protect themselves against contracting the black plague, an airborne and highly contagious disease. To prevent themselves from breathing in plague bacteria, strong herbs and spices were loaded into the “beak” area of the mask. So what do plague doctors have to do with the meaning of Eyes Wide Shut?

Tom Cruise’s character Bill Harford in Eyes Wide Shut has many similarities with the historical role of the plague doctor, another key to understanding the meaning of the film. Like a plague doctor, Bill Harford is a physician who throughout the film makes house calls to treat his sick and dying patients. Given the mature themes in Eyes Wide Shut, it is also worthy to note that while Harford does not treat anyone suffering from the bubonic plague, the doctor does come very close to engaging in sexual contact with Domino, a prostitute he meets up with happenstance and later learns is HIV positive. While bubonic plague is all but wiped out in today’s society, AIDs is a good modern day stand in for the black death, especially if Stanley Kubrick was drawing a connection between Harford and the role of the Medieval plague doctor in Eyes Wide Shut.

It is ludicrous to assume that a cloak and mask costume, no matter how ornate and expensive, can protect or immunize an upperclass member of society from coming into contact with the “contagions” of the lower class, either today or during the medieval period. Unlike the other rich upperclass men in Eyes Wide Shut, Dr Bill Harford finds it difficult to continue to hide behind his mask, so to speak, and not be seduced into caring about the troubles of the many lower class women he meets throughout the course of the movie, including the poor HIV positive prostitute, the possibly abused daughter of the mask shop owner, or the “thousand a night hooker” who overdoses on drugs in the back bedrooms of the Christmas ball. Harford’s problematic sympathy for these damsels in distress contributes to his mask being ceremoniously removed at the end of the masquerade party and may have indirectly led to the death of the mystery woman who helped him earlier in the evening.

Eyes Wide Shut Movie Title & Ending Meaning

By the end of Eyes Wide Shut, the film has posed a difficult question: Is it wicked not to care? Would things have turned out better for everyone involved if Bill Harford had followed the advice of rich and powerful friends like Ziegler, turned a blind eye, and kept his eyes wide shut? If the rich doctor had not gotten emotionally involved in the lives and outcomes of the women he encountered that evening and instead viewed them only as commodities and playthings, his lack of sympathy or interest for them might have saved the lives of both Nick the piano player and Kelly Curran.

Unlike his society outsider friends, at the ending of Eyes Wide Shut Harford’s society “mask” actually does seem to have protected the rich doctor, as both his social and professional standing seem to go unscathed despite the tragic events that have occurred. However, the famous last line of Eyes Wide Shut suggests that Harford might have avoided the whole fiasco if he were more intimate and interested with his own wife and marriage. If you want to learn more about the meaning of Eyes Wide Shut, check out the short 1926 German novel Stanley Kubrick’s film was based on, Arthur Schnitzler’s Traumnovelle (also known as Dream Story).

http://legomenon.com/eyes-wide-shut-movie-meaning-plague-doctor-masks.html

Eyes wide shut

Regia: Stanley Kubrick
Anno: 1999

New York, alla fine del Novecento. La tranquilla e agiata vita del medico Bill Harford è travolta da un morboso segreto della moglie Alice e dalla scoperta di un oscuro mondo notturno dominato da sesso, violenza, denaro e potere.

Eyes…Wide…Shut…È quest’ossimoro suadente e carico di suggestioni (occhi aperti/spalancati-chiusi/serrati) a contenere già tutta la potenza e l’ambivalenza significante di un’opera “terminale e interminata” (Gianni Canova) come l’ultimo film di Stanley Kubrick (la pellicola uscì postuma negli Usa nel luglio del ’99, a quattro mesi dalla scomparsa dell’autore).

Un guardare ad occhi aperti-chiusi, simultaneamente (già prefigurato in Arancia Meccanica, 1971, nella cura Ludovico di Alex, palpebre sgranate, fisse e dilatate, quindi aperte, eppure immobili, bloccate, incanalate su brutali visioni, quindi chiuse).

È l’atto preposto alla lettura della prospettiva stratificata e polivalente che fa di Eyes Wide Shut la densissima summa teorica, tematica, filosofica e figurativa del cinema di Kubrick. Prospettiva che se contiene un centro e un punto di fuga nelle perfette simmetrie della composizione formale, li nega allo sguardo e alla comprensione del disorientato Bill Harford (Tom Cruise).

L’uomo kubrickiano che qui ha “perso” e non “preso” coscienza (come accadeva invece al compiaciuto drugo Alex) del suo essere bruto animale in preda all’istinto, che ritorna ad essere, nella sue odissee notturne, lì dove è sempre stato (vi dice niente Shining, 1980?).

Al centro di un mortificante teatro di violenza e sessualità disinibita, desideri egoistici e famelici, brama di corpi e sete di dominio. Fuori da ogni falsa morale di equilibrio e felicità coniugale. Secondo quel materialismo laico, lucido e pessimista che guida da sempre la filosofia kubrickiana della Storia (dell’uomo).

All’opera per l’ultima volta in un film che, scevro da ogni sentimentalismo patemico e patetico, “trasuda denaro nella sua impietosa descrizione dei rapporti di classe, di censo, di potere, soprattutto sui poveri e sulle donne e sui loro corpi” (Morandini).

eyes-wide-shut-4Laddove 2001: Odissea nello spazio (1968) è una sineddoche (la parte per il tutto, il volo dell’osso della scimmia per il salto temporale ed evolutivo dell’umanità, la missione del singolo per il destino della specie), Arancia Meccanica un’ultra-violenta e iper-cinetica iperbole pop, Shining e Full Metal Jacket (1987) due analogie sulla discesa nei labirinti della follia e dell’orrore umano, Eyes Wide Shut diviene sinestesia dei sensi (vista e tatto, sonno/sogno e risvegli) e del senso ultimo dell’opera kubrickiana.

Nel mosaico del regista meno letterale, più letterario (quasi ogni film di Kubrick è l’adattamento di un romanzo) e paradossalmente antiretorico di sempre. Dentro una spirale di desideri immaginati e fantasie realizzabili, realizzate. Se non con il (con)tatto, almeno visivamente, come accade al Bill nascosto dalla maschera, quando rivela di aver visto “cose molto interessanti” ad una delle statuarie sacerdotesse del sesso.

“Nessun sogno è mai soltanto un sogno”, sostiene Bill nel finale. E infatti il perverso incubo di Alice (Nicole Kidman), parafrasando Shakespeare, sembra fatto della stessa, stuzzicante e lasciva materia di cui è impregnato il pericoloso peregrinare notturno di Bill.

Sempre segnato dal vivido e accecante colore rosso che lo attende dovunque. Sul limitare delle tentazioni, sulla soglia del tradimento e della corruzione (la porta della casa della prostituta, pareti e luci del Sonata Cafè, interni e tappezzeria del castello, il panno del biliardo di Ziegler). Aspettandolo al varco di un piacere sfrenato ed amorale che si fa beffe delle zuccherose cartoline di Natale e della rassicurante atmosfera buonista dei salotti borghesi (l’appartamento di Bill, sempre bagnato da una placida e morbida luce bluastra).

Dunque, sogno realistico e realtà onirica. Non tanto il “doppio sogno” indicato dal titolo italiano dell’ipnotica e allucinata Traumnovelle (1926) di Arthur Schnitzler, su cui è basata la sceneggiatura. Quanto due figure, due modulazioni dello stesso sogno che si vedono e si riconoscono l’un l’altra in uno specchio, abbracciandosi con trasporto come i corpi nudi di Bill e Alice sulle note seducenti di “Bad bad thing” di Chris Isaac.

eyes wide shut 3Attraverso lo specchio e quel che l’Alice di Kubrick vi trovò (come nel romanzo di Lewis Carroll): il desiderio sessuale e la ricerca del piacere fuori dalle gabbie della fedeltà e del matrimonio.

Uno specchio in cui Alice si riflette guardandosi ad occhi aperti. Mentre il marito la cinge baciandola ad occhi socchiusi: ancora una volta ritornano gli eyes wide shut. A marcare la differenza tra un protagonista impaurito e smarrito, che continuerà a cullarsi nella falsa illusione di ricostruire un amore “per sempre” (il faccia a faccia risolutivo con Alice), e la moglie che ha invece afferrato la natura fugace, libera e libidinosa del sesso.

Riassunta tutta in quel “Fuck” finale, diretto e inaspettato, che apre-chiude gli occhi per sempre al cinema di Kubrick.

http://www.cinemacritico.it/eyes-wide-shut-10439.html




Shining Stanley Kubrick : Shining e il Perturbante freudiano – il labirinto , il minotauro

Barry Lyndon : Stanley Kubrick | controappuntoblog.org

Barry Lyndon Original Soundtrack | controappuntoblog.org

Fear and Desire – il film rinnegato da Kubrick | controappuntoblog.org

A Clockwork Orange | controappuntoblog.org

Arancia meccanica | controappuntoblog.org

A Clockwork Orange – Calculated Captivity | controappuntoblog.org

1 MINUTE OF – Killer’s Kiss (1955) Stanley Kubrick .

[1951] Day of the Fight -”The Killing” rapina a mano armata …

A VOIX NUE Ecouter Stanley Kubrick (Rare Radio Interview …

Paths of Glory “Orizzonti di gloria” Stanley Kubrick .

Barry Lyndon

http://www.controappuntoblog.org/2012/04/12/barry-lyndon/

Barry Lyndon Original Soundtrack | controappuntoblog.org

Fear and Desire – il film rinnegato da Kubrick | controappuntoblog.org

A Clockwork Orange | controappuntoblog.org

Arancia meccanica | controappuntoblog.org

A Clockwork Orange – Calculated Captivity | controappuntoblog.org

Spartacus il colossal di Kubrick – LE RIVOLTE SERVILI …

[1951] Day of the Fight -”The Killing” rapina a mano armata : Stan

Full Metal Kubrick – Un dossier provvisorio – no spoilers, just bas

Codigo de Hammurabi -2001Odissea nello Spazio: il monolite …

LE RIVOLTE SERVILI NELL’ANTICA ROMA | controappuntobl

Questa voce è stata pubblicata in cultura, musica e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

I commenti sono chiusi.